È stato respinto dalla Cassazione il ricorso della Procura di Agrigento contro l’ordinanza che lo scorso 2 luglio ha rimesso in libertà Carola Rackete, la comandante della nave Sea watch3 approdata a Lampedusa forzando il blocco.

Carola Rackete ha commentato la decisione sui social: “Nessuno dovrebbe esser perseguito per aver aiutato persone in difficoltà”, ha scritto su Twitter. “Si tratta di un verdetto importante per tutti gli operatori umanitari”.

“Non conosciamo ancora le motivazioni” ha detto l’avvocato Leonardo Marino all’agenzia Adnkronos “ma adesso sappiamo con certezza che avevamo ragione noi: Carola Rackete non andava arrestata. Vedremo adesso se la Procura di Agrigento darà seguito a questa pronuncia della Cassazione – prosegue – o se andrà avanti su questa sua tesi”. E ancora: “Arrestata perché aveva salvato vite umane“. Infine conclude: “In quel periodo ricordo una particolare tensione politica e adesso siamo felici per l’esito di questa vicenda. I giudici della Cassazione hanno dato ragione a noi”.

Non si è fatto attendere il commento di Matteo Salvini che, da Riace, parla di “ingiustizia” del sistema italiano: “Si ritiene che una signorina tedesca, che ha rischiato di uccidere dei militari italiani, non debba essere processata. E invece si vuole processare un ministro che ha difeso i confini del suo Paese”. Affermazione a cui ha risposto Nicola Fratoianni, parlamentare di Sinistra Italiana-Leu: “C’è una differenza molto semplice: Carola Rackete ha salvato degli esseri umani. Salvini no, anzi ha messo in condizione di pericolo delle persone fragili e in difficoltà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banca Etruria, il procuratore Rossi resta ad Arezzo: ottenuta la sospensiva del Tar sulla mancata conferma del Csm

next
Articolo Successivo

Rozzano, uccise il suocero “perché abusava della figlia”: 35enne condannato a 20 anni

next