La nave della ong catalana Open Arms è attraccata nel pomeriggio al porto di Messina. I 122 migranti soccorsi dalla nave al largo della Libia sono sbarcati al molo Norimberga, dove sono stati accolti da medici, volontari e forze dell’ordine. Tra loro due donne in gravidanza, tre famiglie con bambini, sia neonati di pochi mesi che bambini di qualche anno. Verranno trasferiti nel centro di prima accoglienza dell’ex caserma Gasparro per l’identificazione, poi saranno ricollocati. “Dopo 5 giorni, siamo in un porto sicuro. Più di 100 vite, madri, figlie, ragazzi, si lasciano alle spalle la violenza per una nuova vita in Europa”, ha twittato Open Arms

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, falso allarme bomba nella sede di Repubblica: evacuato il palazzo, giornalisti in strada per un’ora

next
Articolo Successivo

Palermo, traffico di rifiuti e fatture false: 15 misure cautelari e 146 indagati, business da 3,5 milioni

next