“In seguito alle richieste avanzate, all’Open Arms e alla Sea Watch 3 sono stati assegnati, rispettivamente, i porti di Messina e Taranto“. Lo ha comunicato in una nota il Viminale sottolineando che “Francia, Germania, Portogallo e Irlanda hanno già dato la loro disponibilità ad accogliere i richiedenti asilo a bordo”.
“La disponibilità è stata offerta sulla base dell’apertura della procedura di ridistribuzione dei migranti a livello europeo avviata dalla Commissione Ue anche sulla scorta del pre-accordo di Malta”, ha concluso il Viminale. La notizia dell’assegnazione del porto, dopo 4 giorni di attesa, è stata accolto con gioia a bordo della nave, Open Arms dove i migranti si sono abbracciati e hanno ringraziato i volontari. A bordo dell’imbarcazione ci sono 118 migranti, tra cui donne e bambini salvati nel Mediterraneo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mose, la prova tecnica alla Bocca del Lido va a buon fine. La scommessa di De Micheli: “In caso di emergenza potremo alzare le paratie”

next
Articolo Successivo

Firenze, studente disabile cade per una buca in strada. Muore sette ore dopo in ospedale

next