Vincenzo Mollica, giornalista di grande cultura e di alta caratura umana, ha annunciato a sorpresa in diretta su Rai Due a “Che Tempo Che Fa” una bella notizia. “Il mio ultimo giorno di lavoro in Rai doveva essere il 29 gennaio, ma l’amministratore delegato Salini e il mio direttore, hanno fatto sì che questa data venisse posticipata di un mese, il 29 febbraio. Proprio per darmi la possibilità di essere presente a Sanremo, ha detto il giornalista 66enne del Tg1, sul campo da 40 anni.

Tra i più felici di questa notizia sicuramente c’è Fiorello, che sin da subito aveva fatto in modo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della presenza di Mollica a Sanremo. Storici i collegamenti dal balconcino del Teatro Ariston, con il giornalista al fianco dei conduttori e dei grandi ospiti della serata per lanciare, dagli schermi del Tg1, l’appuntamento con la kermesse. Un vero e proprio “format” che ormai è entrato nell’immaginario collettivo. “Sanremo non può cominciare senza il mitico ‘balconcino’ di Vincenzo Mollica!!! Si faccia qualcosa. (contratto di consulenza esterna?)“, aveva scritto sui social Fiorello appena saputo che il 29 gennaio sarebbe stato l’ultimo giorno di lavoro di Mollica, raccogliendo centinaia di commenti entusiasti. Non a caso infatti lo showman siciliano ha chiamato il giornalista a partecipare a tutte le puntate di “VivaRaiPlay!”, solo con la voce e animato da un pupazzo irresistibile che è diventato una vera e propria icona sui social. Una avventura professionale e umana, che ha riscosso il consenso unanime di pubblico e critica.

“La voce è la mia. – aveva spiegato in una intervista a Tv Sorrisi e Canzoni Mollica – Ovviamente, trattandosi di un pupazzo, esagero i toni e faccio un po’ la parodia di me stesso. Diciamo che Fiorello ha tirato fuori la mia anima trap-rock, che finora era rimasta un po’ in ombra. Le battute? Tutta farina di Rosario. Quando mi alzo trovo già i suoi messaggini whatsapp con le frasi da recitare, lui si sveglia molto prima di me. Io poi le registro negli studi di Saxa Rubra e lui si ‘sincronizza’ col pupazzo come fosse in un cartone animato”. Ora non resta che aspettare il 4 febbraio quando il Festival di Sanremo prenderà il via e al fianco di Amadeus poco prima dell’inizio, sul balconcino dell’Ariston comparirà ancora una volta Vincenzo Mollica.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adele, la popstar perde peso: pioggia di apprezzamenti e di critiche. Ma il punto dovrebbe essere un altro

next
Articolo Successivo

Striscia La Notizia, paura per Vittorio Brumotti salvo grazie al giubbottino antiproiettile

next