Come sempre da oltre 30 anni, in questi giorni del Festival di Sanremo Vincenzo Mollica è tornato con le sue interviste sul balconcino dell’Ariston in collegamento con il Tg1 delle 20.00. Lo storico giornalista, tra i più amati del piccolo schermo, è apparso però molto sofferente a causa dei problemi di salute che lui stesso ha reso noti durante un’intervista a Che Tempo Che Fa dello scorso anno: un glaucoma che negli ultimi anni ha ridotto del 95% le sue capacità visive. “Dall’occhio sinistro non ci ho mai visto, a causa di un’uveite che mi colpì da piccolo, seguita da un’iridociclite plastica. I miei genitori mi portarono da un oculista in Calabria. Avrò avuto 7-8 anni. Origliai la sentenza da dietro la porta: ‘Diventerà cieco’. Da quel momento adottai una tecnica: imparare a memoria tutto quello che mi circondava, in modo da ricordarmene quando sarebbero calate le tenebre. Come mi ha detto Andrea Bocelli, abbiamo avuto la vista lunga”.

Mollica aveva dato poi anche una risposta ai tanti che in questi giorni, vedendolo sul balcone dell’Ariston a pochi minuti dall’inizio delle serate del Festival, hanno notato quel tremolio alle mani più che evidente: “Quello è il morbo di Parkinson. Non mi faccio mancare nulla. Ho pure il diabete. Sono un abile orchestratore di medicinali”.

Il grande Vincenzo non aveva mostrato scrupolo alcuno nel prendere in giro se stesso ed ironizzare sul delicato tema della morte, come dimostrò proprio in quell’intervista con Fazio: “Io lo dico sempre, quando schiatterò, perché prima o poi tutti schiattano, voglio scegliere la mia foto sulla tomba, perché ogni volta che vado a un funerale ho l’impressione che il morto non avrebbe scelto quella foto sulla lapide. E allora io ho scelto che sulla mia tomba dovrà esserci la foto di Vincenzo Paperica, con la scritta: ‘Qui giace Vincenzo Paperica, che nella vita fu Mollica‘.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roberta Morise, la ex fidanzata di Carlo Conti rischia di perdere un occhio: “L’ho scoperto tre mesi fa”

next
Articolo Successivo

Festival di Sanremo 2020, uno spettatore contesta Achille Lauro e Mara Venier sbotta: “Dategli il Valium, lo meno”

next