“Sostengo Stefano Bonaccini, perché ha fatto un buon lavoro in un momento difficile”. In piena campagna per le elezioni Regionali in Emilia-Romagna, l’allenatore di pallavolo Julio Velasco ha scritto una lettera aperta per dichiarare il suo appoggio al presidente uscente e candidato del centrosinistra. Velasco è argentino di origine, ma cittadino italiano: ha legato indissolubilmente il suo nome ai trionfi della squadra Panini di Modena e della “generazione di fenomeni” della nazionale italiana di volley degli anni novanta.Sento il dovere di farlo“, scrive nel testo rivolto ai suoi concittadini, “e se questa mia presa di posizione significherà convincere anche uno solo degli indecisi a seguirmi in questa scelta, mi sentirò soddisfatto. Per me questo non è un voto ‘contro’. E’ un voto a favore di chi ha fatto un buon lavoro in un momento storico difficile”. L’allenatore garantisce anche di non avere ambizioni politiche: “Voglio chiarire che non ho nessuna intenzione di lasciare il mio lavoro per dedicarmi alla politica. Il 26 gennaio ci saranno le elezioni regionali in Emilia Romagna, regione in cui vivo dal 1985, quando sono arrivato ad allenare la Panini Modena. Ho imparato ad amare questa terra, la sua gente, il giusto equilibrio tra operosità ed efficienza, di ospitalità e affettuosità”.

Secondo Velasco, Bonaccini “ha fatto un buon lavoro in un momento storico difficile, tra difficoltà gravi come il terremoto del 2012, la crisi economica internazionale, i cambiamenti epocali in Europa e nel mondo. Tutto questo in mezzo alle divisioni che, come sempre, hanno ferito il centrosinistra. Se neanche quando si governa bene c’è l’appoggio dei cittadini, è difficile che ci sia progresso e che si possano correggere gli errori”. E aggiunge: “E’ vero che nella sinistra ci sono esponenti e simpatizzanti pronti a giudicare con aria di superiorità morale e questo spesso dà molto fastidio a chi la pensa diversamente. Ma è altrettanto vero che Bonaccini non è uno di loro. Lui è un uomo del popolo. Non solo perché proviene da una famiglia di lavoratori, ma perché si occupa delle persone, le ascolta, si mette nei loro panni”.

L’Emilia-Romagna, chiude Velasco, “è una delle zone più ricche d’Europa sia economicamente sia culturalmente. Certamente i problemi non mancano. Alcuni sicuramente sono conseguenza degli errori delle classi dirigenti, ma altri sono globali e fanno parte di un cambiamento troppo veloce, molte volte ingiusto e perfino feroce. Come sempre, c’è l’avidità dei pochi a danno dei molti. E ci sono nuovi problemi che richiedono idee originali, concrete, coraggiose, creative e poco rigide”. E conclude criticando chi fa “propaganda” e “incolpare sempre gli altri”: “Fare propaganda sfruttando ogni tipo di problema può funzionare nel breve termine, soprattutto in campagna elettorale, ma creerà solo dei problemi quando si tratti poi di governare. Anche se incolpare sempre gli altri sembra funzionare, io continuo ad avere fiducia nel fatto che le persone sappiano valutare”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trieste, consigliere di estrema destra: “Non sapevo come gay facessero l’amore e sono andato su Youporn. È atto satanico”

next
Articolo Successivo

Restituzioni M5s, i capigruppo: “85% in regola, per altri sarà aperto procedimento. Deroghe? Per Casaleggio significava cancellare le regole”

next