Quattro minori che fanno fuoco dal balcone di casa con una pistola mentre vengono ripresi, in diretta, su Facebook. È quanto successo a Napoli nella notte di San Silvestro, durante i festeggiamenti di Capodanno. Un uomo, probabilmente il padre di uno dei bambini (o di tutti e quattro), li mette in fila e dà loro una pistola (con buone probabilità una scacciacani) e li fa sparare in direzione del parco antistante l’abitazione. Il tutto mentre un altro adulto, presumibilmente la madre (di cui si sente la voce), registra la scena col telefono e la manda in onda sui social network.

L’episodio è stato denunciato dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e dal conduttore radiofonico Gianni Simioli, che lo hanno segnalato al Tribunale dei Minori: “A questo tipo di gente deve essere tolta la patria potestà. Bisogna fare delle indagini, poi, per capire se quell’arma fosse caricata a salve o no”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siena, sotto sequestro il profilo Twitter del professore che inneggiava a Hitler: “Il mio account è stato chiuso”.

next
Articolo Successivo

Venezia, due struzzi a spasso tra calli e ponti: multati i proprietari

next