È stata arrestata questa sera a Bussoleno, in Valle di Susa, Nicoletta Dosio, l’attivista No Tav condannata in via definitiva a un anno di reclusione per una protesta del 2012 alla barriera di Avigliana dell’autostrada del Frejus. La 73enne non ha chiesto misure alternative. Per quasi due ore i militanti, scesi in strada dopo la notizia, hanno bloccato l’auto dei carabinieri, su cui era salita Dosio, per rallentarne l’arresto.

Per quella dimostrazione, quando i manifestanti bloccarono il casello dell’autostrada facendo passare le auto senza pagare, a inizio novembre Dosio è stata raggiunta da un ordine di carcerazione insieme ad altre undici persone, esponenti della galassia anarchica e militanti del centro sociale Askatasuna di Torino. Violenza privata, interruzione di pubblico servizio, danneggiamento e imbrattamento i reati contestati. Dopo le tensioni a Bussoleno, i carabinieri hanno portato Dosio al carcere delle Vallette di Torino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Autostrade, si stacca parte del soffitto di una galleria vicino a Genova: chiusa la A26. Martedì la concessionaria convocata dal Mit

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, incendio nel cantiere del nuovo viadotto. A fuoco la pila numero 13

next