Non ha voluto chiedere misure alternative al carcere e nei prossimi giorni finirà in cella. È la scelta di Nicoletta Dosio, 73 anni, uno dei volti più rappresentativi del movimento No Tav. Dosio è stata condannata a un anno di reclusione per violenza privata e interruzione di pubblico servizio per aver partecipato a un blocco autostradale il 3 marzo 2012 nel corso di un’iniziativa chiamata “Oggi paga Monti”: circa 300 militanti No Tav andarono al casello di Avigliana sull’autostrada Torino-Bardonecchia e fecero in modo di tenere due varchi aperti per far passare gli automobilisti.

Era una protesta contro la Sitaf, società che forniva supporto per i lavori preliminari della Torino-Lione. Entro oggi lei, assistita dagli avvocati Emanuele D’Amico e Valentina Colletta, avrebbe potuto chiedere una misura alternativa, ma non ha voluto farlo: “Dopo tre gradi di giudizio che ribadiscono la criminalizzazione del movimento – ha dichiarato lei stamattina in un presidio davanti al Tribunale di Torino -, per me chiedere le misure alternative voleva dire chiedere scusa e adeguarsi al verdetto. Per quel che mi riguarda, noi abbiamo fatto il nostro preciso dovere che rivendico fino in fondo”. “Non ci sentiamo né eroi, né martiri, ma persone che difendono il loro diritto a vivere”, ha aggiunto Dosio. Con lei sono state condannate altre undici persone a pene lievemente più gravi. Nessuno ha ottenuto la sospensione condizionale della condanna, ma hanno chiesto al Tribunale di Sorveglianza misure alternative.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, il sindaco deve restituire mille euro al Mef: paga con 168 chili di monete da un cent

next
Articolo Successivo

Qualcuno ha paura che le persone si incontrino per davvero. E così brucia loro la sedia

next