Sarà il pubblico ministero e non più la polizia giudiziaria a decidere quali sono le intercettazioni rilevanti da trascrivere e quali invece no. Mentre i difensori potranno chiedere copia delle registrazioni, e non più soltanto ascoltarle. Per i giornalisti che pubblicano intercettazioni, invece, scompare l’ipotesi di essere incriminati per violazione di segreto d’ufficio, ma la normativa rimane essenzialmente identica a quella attuale. Sono le novità contenute nel decreto legge sulle intercettazioni appena approvato dal Consiglio dei ministri.

In vigore dal 2020 – Dopo cinque ore e mezza di riunione, Palazzo Chigi ha dato via libera la nuova norma sugli ascolti, che è stata spacchettata dal Milleproroghe (approvato sempre oggi ma “salvo intese”) e inserita in un decreto legge ad hoc. All’interno è prevista l’entrata in vigore nel marzo del 2020 della vecchia riforma dell’ex guardasigilli Andrea Orlando, rinviata per tre volte dal ministro della giustizia Alfonso Bonafede. L’ultima proroga scade il 31 dicembre: dopo aver ipotizzato un nuovo rinvio di sei mesi, si è optato per dimezzare i tempi dell’entrata in vigore. Il dl approvato oggi, infatti, modifica alcuni aspetti fondamentali della riforma che erano stati a suo tempo contestati anche dagli addetti ai lavori.

Bonafede: “Punto di equilibrio tra indagini e tutela a riservatezza” – Dopo una serie di audizioni con i principali procuratori italiani – Francesco Greco di Milano, Francesco Lo Voi di Palermo, Giovanni Melillo di Napoli, Giuseppe Creazzo di Firenze, l’aggiunto che regge la procura ad interim Michele Prestipino di Roma – Bonafede ha varato una serie di modifiche alla legge varata a suo tempo dal centrosinistra. “Oggi abbiamo approvato in consiglio dei ministri il decreto legge sulle intercettazioni, uno strumento irrinunciabile per le indagini. Adesso elaboriamo un sistema moderno e digitale: ci saranno maggiori garanzie per trovare un punto di equilibrio tra l’esigenza delle indagini, la tutela della riservatezza e il diritto di difesa”, ha scritto su facebook il guardasigilli. “Tutto questo sistema – aggiunge – entrerà in vigore da marzo per dare il tempo agli uffici e addetti ai lavori di adeguarsi e di implementare sotto il profilo organizzativo una normativa così delicata. Adesso il provvedimento farà il suo iter parlamentare per la conversione ma c’erano atti che non potevamo ritardare, perché si mettevano a rischio tutte le indagini in corso nelle varie procura italiane”.

Cosa c’è nella riforma: pm e avvocati – Il decreto legge infatti prevede che per le intercettazioni legate a indagini in corso fino al 29 febbraio varranno le regole attualmente in vigore: le nuove si applicheranno a tutte le iscrizioni di notizia di reato dall’1 marzo in poi. Da quel momento quindi entrerà in vigore la riforma Orlando riveduta e corretta da Bonafede. Se l’ex guardasigilli del Pd affidava alla polizia giudiziaria il controllo sulle intercettazioni da considerare rilevanti e da trascrivere e quelle invece da considerare irrilevanti e citare solo nei brogliacci riepilogativi, adesso questa prerogativa torna nuovamente al pm. “Il pubblico ministero – si legge nel decreto – dà indicazioni e vigila affinché nei verbali non siano riportate espressioni lesive della reputazione delle persone o quelle che riguardano dati personali definiti sensibili dalla legge, salvo che si tratti di intercettazioni rilevanti ai fini delle indagini”. Il decreto prevede poi che gli avvocati difensori abbiano accesso alle intercettazioni depositate. Gli avvocati potranno poi estrarre copia degli atti rilevanti. Su input del difensore, infatti, il giudice potrà decidere di acquisire conversazioni ritenute irrilevanti dal pm. Viceversa potrà stralciare conversazioni considerate rilevanti dal pm ma irrilevanti dall’avvocato. “I difensori – si legge sempre nel decreto – per via telematica hanno facoltà di esaminare gli atti e ascoltare le registrazioni ovvero di prendere cognizione dei flussi di comunicazioni informatiche o telematiche”.

Nessun rischio per i giornalisti – Non verrà più istituito, invece, il nuovo reato che avrebbe colpito soprattutto i giornalisti e cioè la “diffusione di immagini o registrazioni acquisite ‘fraudolentemente’, con l’unico obiettivo di recare danno all’altrui reputazione”: una fattispecie che colpiva ovviamente chi pubblicava il contenuto di registrazioni considerate irrilevanti dal polizia giudiziaria. A questo punto per l’informazione le regole rimangono essenzialmente invariate.

I trojan – Sui trojan invece è stato raggiunto un compromesso: l’applicazione dei captatori informatici è stata slegata dalla normativa sulle intercettazioni ambientali ampliandone di fatto la possibilità di uso. La riforma Orlando invece li considerava microspie ambientali. Con il decreto legge approvato oggi, dunque, il trojan si potrà usare per perseguire i reati associativi, quelli con finalità di terrorismo e quelli dei pubblici ufficiali o degli incaricati di pubblico servizio contro la pubblica amministrazione con una .

L’archivio – Il decreto stabilisce poi che le intercettazioni siano depositate solo per via telematica e che l’archivio digitale telematico sia “tenuto sotto la direzione e la sorveglianza del Procuratore della Repubblica”. L’archivio “è gestito con modalità tali da assicurare la segretezza della documentazione relativa alle intercettazioni non necessarie per il procedimento, ed a quelle irrilevanti o di cui è vietata l’utilizzazione ovvero riguardanti categorie particolari di dati personali”. Il procuratore “impartisce, con particolare riguardo alle modalità di accesso, le prescrizioni necessarie a garantire la tutela del segreto su quanto custodito”. All’archivio “possono accedere, secondo quanto stabilito dal codice, il giudice che procede e i suoi ausiliari, il pubblico ministero e i suoi ausiliari, ivi compresi gli ufficiali di polizia giudiziaria delegati all’ascolto, i difensori delle parti, assistiti, se necessario, da un interprete. Ogni accesso è annotato in apposito registro, gestito con modalità informatiche; in esso sono indicate data, ora iniziale e finale, e gli atti specificamente consultati”. Nel caso di richiesta di copia da parte dei difensori “il rilascio è annotato in apposito registro, gestito con modalità informatiche; in esso sono indicate data e ora di rilascio e gli atti consegnati in copia”.

La mediazione politica – Il decreto legge sulle intercettazioni avrà l’effetto di “allungare la vita” all’esecutivo. La questione degli ascolti telefonici, infatti, ha spaccato il governo nelle scorse settimane, incrociando tutta la trattativa sulla riforma della prescrizione, che entrerà in vigore l’1 gennaio con lo stop dopo il primo grado. Il Pd e i renziani hanno ceduto su questo punto, e la riforma della prescrizione entrerà in vigore come previsto. Sulle intercettazioni dunque, Bonafede ha dovuto scegliere la linea morbida, ottenendo alcune modifiche ma non cancellando completamente la riforma Orlando ma la cambiano in modo sostanziale.

Le reazioni: Pd plaude, Fi si appella al Colle – Rimangono sospese, invece, le nuove norme sul processo penale sulle quali non c’è ancora accordo tra le forze di maggioranza. Oltre a Bonafede, anche il Pd è soddisfatto: ” Il Cdm ha deciso l’entrata in vigore della riforma Orlando sulle intercettazioni, con le modifiche tecniche che erano state concordate e che saranno applicate entro il 2 marzo. Si tratta di una riforma importante non solo per il Pd che l’ha sostenuta nella scorsa legislatura, ma per il Paese. Si rafforza questo strumento investigativo per colpire gravi reati, si garantisce il diritto all’informazione per quelle di rilevanza penale, si garantisce il rispetto della privacy per quelle non rilevanti. É, nell’insieme , una norma di civiltà. Ora subito al lavoro per le norme che garantiscano tempi certi per i processi”, scrive in una nota Walter Verini, il responsabile giustizia dem. “Siamo pronti all’esame in parlamento del decreto sulle intercettazioni, provvedimento fondamentale e urgente, come ha spiegato il ministro Bonafede, per non mettere a rischio il lavoro in corso delle procure. Leggeremo il testo ma è importante che sia stato trovato in sede di discussione del Consiglio dei ministri un punto di equilibrio tra l’esigenza delle indagini, la tutela della riservatezza e il diritto di difesa”, dice invece Francesca Businarolo, presidente della commissione Giustizia della Camera. Protesta Forza Italia con Enrico Costa che si appella al presidente della Repubblica “perché fermi il violento ed incostituzionale aggiramento del Parlamento realizzato con il decreto legge intercettazioni, cui -al di là del merito- difettano totalmente i requisiti di necessità ed urgenza. Se fosse un giorno la Consulta a dichiarare incostituzionale il decreto, verrebbero travolte tutte le intercettazioni nel frattempo effettuate, con pesantissimi effetti sui processi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Popolare di Bari, “indagato l’ex presidente Jacobini. Accusato di aver corrotto i vertici della Vigilanza di Bankitalia”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, mani delle cosche sulla sepoltura dei migranti: “Otto te li fai tu e 8 me li faccio io”. Poi li inumavano senza cassa di legno

next