“Questo rosario è per Salvini e per tutti i politici che lavorano per il bene degli italiani”. È questo il messaggio lanciato da una ventina di persone aderenti al movimento “I cinque Sassi” che si sono date appuntamento questa mattina di fronte al Tribunale di Torino. Il leader leghista avrebbe dovuto comparire in aula nel processo che lo vede come imputato per vilipendio all’ordine giudiziario, ma questa mattina ha preferito partecipare a un evento elettorale a Imola, in attesa degli impegni istituzionali pomeridiani. L’assenza di Matteo Salvini non ha turbato i partecipanti. Tra di loro c’è chi prega per difendere l’Italia dalla “dittatura comunista” e chi come la promotrice Angela Ciconte ritiene che in Italia la vera discriminazione sia quella contro i cattolici: “Penso che ci sia perché nessuno si scandalizza per le bestemmie o quando Beppe Grillo fa blasfemia contro la nostra religione”. La Ciconte ha raccontato di aver ricevuto l’appoggio alla sua iniziativa direttamente da Salvini incontrato a Milano lo scorso fine settimana. Ma rifiuta la contrapposizione con le Sardine che martedì pomeriggio saranno in piazza nel capoluogo piemontese: “Il nostro simbolo è il pesce di Cristo, noi al massimo rappresentiamo i salmoni che nuotano controcorrente e che tornano all’acqua limpida e pura del fiume che gli ha dato la vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Zingaretti: “Bene Conte su agenda 2020. Lavoriamo per ricostruire la fiducia degli italiani e riaccendere l’economia”

next
Articolo Successivo

Mes, scontro tra Sensi (Pd) e Borghi: “Esigo risposte”, “Domande non pertinenti. Se vuole interrogare Barra Caracciolo lo faccia al bar”

next