“Questo rosario è per Salvini e per tutti i politici che lavorano per il bene degli italiani”. È questo il messaggio lanciato da una ventina di persone aderenti al movimento “I cinque Sassi” che si sono date appuntamento questa mattina di fronte al Tribunale di Torino. Il leader leghista avrebbe dovuto comparire in aula nel processo che lo vede come imputato per vilipendio all’ordine giudiziario, ma questa mattina ha preferito partecipare a un evento elettorale a Imola, in attesa degli impegni istituzionali pomeridiani. L’assenza di Matteo Salvini non ha turbato i partecipanti. Tra di loro c’è chi prega per difendere l’Italia dalla “dittatura comunista” e chi come la promotrice Angela Ciconte ritiene che in Italia la vera discriminazione sia quella contro i cattolici: “Penso che ci sia perché nessuno si scandalizza per le bestemmie o quando Beppe Grillo fa blasfemia contro la nostra religione”. La Ciconte ha raccontato di aver ricevuto l’appoggio alla sua iniziativa direttamente da Salvini incontrato a Milano lo scorso fine settimana. Ma rifiuta la contrapposizione con le Sardine che martedì pomeriggio saranno in piazza nel capoluogo piemontese: “Il nostro simbolo è il pesce di Cristo, noi al massimo rappresentiamo i salmoni che nuotano controcorrente e che tornano all’acqua limpida e pura del fiume che gli ha dato la vita”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, Zingaretti: “Bene Conte su agenda 2020. Lavoriamo per ricostruire la fiducia degli italiani e riaccendere l’economia”

next
Articolo Successivo

Mes, scontro tra Sensi (Pd) e Borghi: “Esigo risposte”, “Domande non pertinenti. Se vuole interrogare Barra Caracciolo lo faccia al bar”

next