Lungo botta e risposta tra la iena Antonino Monteleone e Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri che ha varato la riforma del processo civile. Oggetto dello scontro il concorso sostenuto da Conte nel 2002. “Lei – afferma il capo del governo – ha fatto dei post su Facebook dove scrive delle cose offensive. Voi non dovete approfittare del fatto che io ho affermato che non querelerò mai i giornalisti, ma lei diffama e continuate a scrivere menzogne su menzogne”. Conte, poi, interrompe le domande che gli rivolge Monteleone per dire “mi dispiace molto che lei è stato accusato e insultato sui social, questo non le permetto, non è accettabile”, ma poi all’incalzare delle domande dell’inviato delle Iene (“a noi risulta che lei non ha lavorato gratis all’Autorità del Garante dei Dati personali e che abbia chiesto di farsi versare i compensi sul conto di Alpa”) è sbottato: “Questa è una diffamazione, lei è fuori di testa“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi: “Governo dura al 50%, litigano su tutto. Quando ho dubbi, vedo Borghi e sto meglio”

next
Articolo Successivo

Conte: “Per Renzi solo 50% possibilità che il governo arrivi al termine? Lui è pessimista cosmico”

next