Nel giorno dell’apertura dei lavori della Cop 21, la conferenza delle parti dei 21 Paesi, più l’Unione Europea, che si affacciano sul Mar Mediterraneo, a Napoli, i volontari del Wwf hanno invaso la spiaggia del litorale est della città per raccogliere i rifiuti riciclabili. All’evento ha partecipato anche il ministro dell’ambiente Sergio Costa. “Ora sono previsti per la prima volta anche i giovani – ha detto il ministro parlando con l’associazione ambientalista – Significa poter raccogliere in modo concreto le loro proposte, non solo le proteste”. Il ministro ha poi improvvisato un concerto con i rifiuti raccolti, come i contenitori in plastica, insieme all’artista Maurizio Capone.

“Questo fondale è fatto da roccia vulcanica – spiega Vincenzo Saggiomo della stazione zoologica Anton Dohrn- La pesca illegale distrugge fisicamente questo posto. Non serve dare risorse, basta non offendere il mare e lui si rigenera da solo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Clima, il segretario dell’Onu Guterres alla conferenza di Madrid: “La scelta è tra speranza di un mondo migliore o la capitolazione”

prev
Articolo Successivo

Cosa succede se la temperatura sale di 1,5°? “Cambia tutto”: la risposta del Wwf attraverso i capolavori del Prado fa riflettere

next