“Non dobbiamo mettere il cappello sulle sardine”. È questo l’errore principale che il PD deve evitare secondo i deputati, senatori Dem e sindaci che si sono riuniti oggi a Milano al convegno di Base Riformista. “Le sardine hanno occupato uno spazio che noi abbiamo lasciato vuoto” commenta il sindaco di Milano Giuseppe Sala mentre per il senatore Dem Mauro Laus: “Dobbiamo riconoscere il nostro errore: se una piazza si riempie è perché c’è stato un distacco tra il nostro partito e il territorio”. Una visione non condivisa dalla sottosegretaria ai rapporti con il Parlamento Simona Malpezzi: “Siamo sempre stati nelle piazze e nei mercati”. Una presenza che però non sembra essersi tramutata in voti alle urne: “È un problema storico questo per la sinistra” chiude Malpezzi. “Negli scorsi anni siamo stati al governo in un momento difficile per il paese. A questa assunzione di responsabilità non è corrisposto un consenso”. Tra i rappresentanti del PD c’è la speranza concreta che questo movimento si traduca in voti nelle prossime scadenze elettorali: “Quella è una piazza contro Salvini, magari non è per il PD, ma la vedo difficile che vadano a votare per la Bergonzoni in Emilia Romagna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Prescrizione, Bonafede: “Siamo tutti d’accordo ma in stallo. Asse Pd-Fi? Spero non accada”. Da lunedì gli avvocati in sciopero per 5 giorni

prev
Articolo Successivo

Fondo salva-Stati, nuovo scontro tra Pd e M5s. Domenica possibile vertice di governo. Conte: “Lunedì spazzerò via chiacchiere”

next