Matteo Renzi contro tutti. Non si arresta l’offensiva mediatica del fondatore di Italia Viva, cominciata nei giorni scorsi, quando la stampa nazionale ha cominciato a raccontare l’inchiesta della Procura di Firenze sui finanziamenti alla Fondazione Open. Oggi nel mirino dell’ex premier ed ex segretario del Pd ci sono soprattutto giornalisti e magistrati. “Le prime tre denunce penali che ora firmo (Travaglio Verità Espresso) sono indirizzate al Dr Creazzo, capo della procura di Firenze – scrive questa mattina Renzi su Twitter – Io credo nella giustizia. Sono certo che i magistrati fiorentini saranno solerti nel difendere i miei diritti di cittadino”.

Renzi aveva spiegato giovedì le proprie intenzioni in un post su Facebook. “La prima riguarda il signor Travaglio per aver detto che il Governo Renzi ha “beneficato il gruppo Toto nel 2017”. Non so di cosa parli Travaglio. Ma so che il governo Renzi termina la propria esperienza nel 2016. Notizia falsa e diffamatoria, reato certo. Attendo che la procura di Firenze apra il procedimento per diffamazione contro il signor Travaglio nel quale mi costituirò parte civile”. E le altre due? “Sono indirizzate al dottor Creazzo e – per competenza – al Procuratore capo di Genova (competente per i reati compiuti dai magistrati di Firenze, ndr) per rivelazione di segreto bancario o istruttorio alla luce degli articoli della Verità e dell’Espresso”.

Questa mattina però il leader di Italia Viva fa dei distinguo: “Non faccio nessun esposto contro i magistrati, mi stupisco”, ha detto parlando con Radio anch’io. “I magistrati – spiega – hanno dovere di indagare su tutti, c’è l’obbligatorietà dell’azione penale”. “Ho rivolto al procuratore capo di Firenze la richiesta di indagare su fatti: su Travaglio che ha detto il falso”, aggiunge il leader di Iv: “Io sono dalla parte dei magistrati”.

Su Twitter Renzi risponde anche a Marco Imarisio del Corriere della Sera. “Marco Imarisio, giornalista. Brevi Manu? “Dopo entrano in cdp”? Ne parliamo in tribunale, caro Imarisio: questo non è giornalismo, ma diffamazione #ColpoSuColpo”, twitta oggi il senatore. A cosa si riferisce? A un tweet del cronista, che ieri scriveva: “Beh ma tutti si fanno prestare brevi manu 700.000 euro a 4 (quattro) giorni dal rogito di un immobile da 1.300.000. A me chiedono prima garanzie anche per comprare le sigarette. E dopo non entrano in Cdp. Dai, ma cosa stai dicendo”.

Il riferimento alla Cassa depositi e prestiti è al finanziamento ricevuto dalla famiglia Maestrelli: nel giugno del 2018 Renzi aveva ricevuto per acquistare la casa un prestito da 700mila euro attraverso un bonifico eseguito dalla madre di Riccardo Maestrelli, nominato da Renzi nel cda di Cassa depositi e prestiti e successivamente finanziatore – con la famiglia – della Fondazione Open. La somma del bonifico era stata poi restituita, ma l’operazione era stata segnalata come “sospetta” dall’Unità antiriciclaggio, facendo scattare le indagini.

“Ho chiesto una mano alla famiglia Maestrelli per stretti rapporti di amicizia – commenta oggi l’ex premier – E perché sono persone libere e perbene. Quanto alla nomina di Riccardo Maestrelli in Cdp immobiliare: si è trattato di un incarico per 400 euro al mese, ottenuto 5 anni fa peraltro”. “Sapevo che come persona politicamente esposta il prestito sarebbe stato controllato dall’antiriciclaggio di Banca d’Italia – scrive ancora – Ma è tutto in regola. Semmai chiedetevi perché una storia di un anno e mezzo fa è venuta fuori solo quando ho reagito duramente contro la procura“.

Renzi è un fiume in piena: “In banca ho chiesto un mutuo per 30 anni, ad un amico un prestito per 5 mesi. L’intrusione nella mia vita personale, con tanto di nomi sparati sul giornale, è una violenza privata inedita ma non ho niente da nascondere. Tutto lecito, tutto trasparente, tutto tracciato.

Il senatore è stato criticato nelle scorse settimane anche per essere stato ospite tra il 29 e il 31 ottobre a Riyad per la terza edizione della “Davos del deserto” in compagnia di alcuni dei maggiori produttori mondiali di armi”. “La mia attività da conferenziere? Che male c’è? – domanda oggi su Twitter – Non sto rubando soldi visto che nel 2019 ho pagato circa mezzo milione di tasse: con le mie attività lo Stato ci guadagna. Ho più del 50% di presenze in aula durante i voti. Quando conta ci sono. Molto più di Salvini…”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mes, Di Maio: “Accordo deve essere migliorato. Faremo presenti perplessità senza creare difficoltà al governo”

next
Articolo Successivo

Lega, Giorgetti: “Elezioni anticipate se vinciamo in Emilia Romagna? Boh, secondo me non cambierà niente”. E attacca Gualtieri sul Mes

next