C’avevo un padre che un po’ ti assomiglia, c’avevo, è una storia abbastanza triste”. Esordisce così Morgan rivolgendosi ad Adriano Celentano nell’ultima puntata di Adrian su Canale 5 iniziando a raccontare un momento molto difficile del suo passato. “Mio padre un giorno avevo 16 anni mi chiama è mi fa sentire una canzone di Celentano e mi dice di ascoltare questo pezzo – ha raccontato Morgan -. Io lo ascolto ed era una canzone commuovente è la storia di un padre che dice ad un figlio conto su di te e ti metto in mano il futuro della famiglia. A me questa cosa spaventò perché era effettivamente un messaggio preciso e lui non ha effettivamente saputo dirmi cosa aveva intenzione di fare, me la detto con una canzone, però poi dopo un po’ lui è venuto a mancare, vorrei cantartela, suonartela perché è come se la suonassi a mio padre”.

Il padre di Morgan si è suicidato l’11 ottobre 1988 e l’ex leader dei Blu Vertigo aveva già raccontato la sua storia a Maurizio Costanzo spiegando che “si è affacciato alla finestra, non l’ha mai fatto, ha salutato me e mia sorella e si è ucciso”. Celentano, colpito dal racconto di Morgan, ha commentato: “Io non l’ho mai voluta cantare quella canzone perché mi rattristava”. E il cantante: “Perché è tremenda, io non so se riuscirò ad arrivare al ritornello”. “Ma il fiato ce l’hai adesso”, ha replicato il Molleggiato. “Qui non è il fiato è il cuore”, ha concluso Morgan prima di esibirsi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adrian, Celentano canta “L’emozione non ha voce” e la dedica a Ilaria Cucchi: lei gli risponde su Facebook

next
Articolo Successivo

“20 anni che siamo italiani”, Gigi D’Alessio vince gli ascolti con lo show nazional-popolare e lancia Vanessa Incontrada per Sanremo con Amadeus

next