Quando ieri sera nel corso di Adrian Adriano Celentano ha preso il microfono e ha intonato “Io non so parlar d’amore, l’emozione non ha voce…” a molti è venuta la pelle d’oca perché quelle parole il Molleggiato ha voluto dedicarle a Ilaria Cucchi. Poco prima di iniziare a cantare infatti, Celentano ha detto di voler dedicare “L’emozione non ha voce”, uno dei suoi grandi successi, proprio alla sorella di Stefano Cucchi che gli ha risposto ringraziandolo via Facebook. “Grazie Adriano Celentano per le tue parole e per aver dedicato a me la tua bellissima canzone. Stasera mi sento di dire solo questo“, ha scritto Ilaria.

Tantissimi i commenti entusiasti dei telespettatori sui social: “L’emozione non ha voce’ per una donna che ha lottato con tutta se stessa per amore. Ilaria Cucchi”, scrive un utente. E ancora: “#Adrian che dedica ‘Io non so parlar d’amore’ ad Ilaria Cucchi. Pelle d’oca”, “Adriano Celentano ha appena dedicato a @cucchi_ilaria l’emozione non ha voce. È stato stupendo davvero #Adrian”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conto alla rovescia, Gerry Scotti sbotta durante il gioco per le critiche ricevute: “Io non sono qui a farvi perdere tempo”

next
Articolo Successivo

Adrian, Morgan ad Adriano Celentano: “Mio padre mi avvisò del suo suicidio con una tua canzone. Un po’ ti assomigliava”

next