Con la A6 chiusa, la A26 chiusa, le limitazioni alla A7 e i problemi sulle state statali dovute a frane a allagamenti, la Liguria è isolata, siamo in emergenza” Così il presidente della Regione, Giovanni Toti, nella conferenza stampa indetta con il sindaco Marco Bucci al termine del vertice in Prefettura dopo la chiusura della A26: “Siamo tornati ai collegamenti degli anni 30, in queste condizioni non resistiamo più di una settimana, siamo in guerra, siamo a Stalingrado”.

“Chiedo a tutti i cittadini genovesi di utilizzare il trasporto pubblico, cercheremo di ottenere agevolazioni per autobus, metropolitana e treni – ha aggiunto Bucci – Dobbiamo impegnarci tutti, ci rimboccheremo le maniche e supereremo anche questa emergenza, le misure sulla circolazione potranno cambiare di giorno in giorno a seconda del traffico“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s alle regionali, Di Maio a Bologna esclude alleanza con Bonaccini e Pd: “Da statuto non possiamo sostenere il candidato di un partito”

next
Articolo Successivo

A New York arrivano le ‘sardine atlantiche’. E anche nella Grande Mela qualcosa è cambiato

next