Voilà il trailer di Pinocchio a firma Matteo Garrone. Una pillola riassuntiva di quello che il film sarà, adatto a tutti quei rompiscatole che ogni due per tre scrivono “non spoilerare!”. Due minuti in cui, ca va sans dire, Geppetto fabbrica Pinocchio, Pinocchio scappa, finisce al circo, poi incontra il Gatto e la Volpe, la fata Turchina, viene arrestato dai carabinieri, e infine la balena.

Qualche novità, però, in mezzo al tintinnio bartoniano-ellfmaniano dei triangoli, c’è. Parecchie le creature mezze animali e mezze uomo, diverse le mostrificazioni dovute agli effetti visivi di Cromatica, ma soprattutto sembra molto particolare e stimolante la performance di Federico Ielapi nei panni di un Pinocchio legnoso e allo stesso tempo molto elastico e funambolico. Il dark garroniano che finisce in freak promette assai bene. Appuntamento il 19 dicembre al cinema. P.s. Dal trailer Benigni è tornato a recitare. Evviva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jojo Rabbit, al Torino Film Festival arriva l’operetta in salsa nazi con un piccolo indomito protagonista

prev
Articolo Successivo

Wrestlove e altri film che agli ultimi festival di cinema mi sono rimasti nel cuore

next