Voilà il trailer di Pinocchio a firma Matteo Garrone. Una pillola riassuntiva di quello che il film sarà, adatto a tutti quei rompiscatole che ogni due per tre scrivono “non spoilerare!”. Due minuti in cui, ca va sans dire, Geppetto fabbrica Pinocchio, Pinocchio scappa, finisce al circo, poi incontra il Gatto e la Volpe, la fata Turchina, viene arrestato dai carabinieri, e infine la balena.

Qualche novità, però, in mezzo al tintinnio bartoniano-ellfmaniano dei triangoli, c’è. Parecchie le creature mezze animali e mezze uomo, diverse le mostrificazioni dovute agli effetti visivi di Cromatica, ma soprattutto sembra molto particolare e stimolante la performance di Federico Ielapi nei panni di un Pinocchio legnoso e allo stesso tempo molto elastico e funambolico. Il dark garroniano che finisce in freak promette assai bene. Appuntamento il 19 dicembre al cinema. P.s. Dal trailer Benigni è tornato a recitare. Evviva.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jojo Rabbit, al Torino Film Festival arriva l’operetta in salsa nazi con un piccolo indomito protagonista

next
Articolo Successivo

Wrestlove e altri film che agli ultimi festival di cinema mi sono rimasti nel cuore

next