Lucignolo è una ragazza: fa la cubista ed è la regina delle notti in discoteca. Geppetto è un eterno adolescente: la sua moto viene prima di tutto. Il Gatto e la Volpe sono due influencer e Mangiafuoco è una drag queen. E Pinocchio? In questa combriccola sembra essere l’unico a rifiutare le maschere sociali e a cercare l’autenticità. Ci riuscirà grazie all’amore. Dai creatori di Peter Pan – Il Musical, nasce Pinocchio Reloaded – Musical di un burattino senza fili basato sul concept-album di Edoardo Bennato. Ma arricchito di nuove sfumature contemporanee, dal rock alla house fino al rap.

Sarà in prima assoluta al Teatro degli Arcimboldi di Milano il 22 novembre, dopo la data del 16 a Bergamo, per una torunée che terminerà a marzo e toccherà diverse piazze italiane. La regia, di Maurizio Colombi, è una rivisitazione surreale, in stile steampunk fantasy, del racconto di Collodi. Il viaggio di Pinocchio verso la sincerità con sé stesso e la felicità si compie attraverso l’amore per Lucignolo, ragazza indomita e libera. Fra acrobazie vocali e coreografiche si taglieranno i fili delle costrizioni. A interpretare Pinocchio il ventenne Jordan Carletti, ballerino, acrobata, e cantante. Nella parte di Lucignolo, Silvia Scartozzoni, già interprete del musical La Regina di Ghiaccio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezia, anche le biblioteche musicali assediate dall’acqua. Quando se ne occuperà il ministero?

prev
Articolo Successivo

La persecuzione degli ebrei romani: una storia di orrori e vergogna da non dimenticare mai

next