È stata disposta l’autopsia e sono in corso gli accertamenti da parte dei medici dell’Ospedale civile di Venezia, in accordo con i familiari, per capire cosa sia successo a Miriam De Giovanni, 25enne morta il 30 ottobre scorsa, tre giorni dopo essere stata dimessa dallo stesso ospedale. La giovane si era recata al pronto soccorso il 26 ottobre scorso, dove era stata visitata da due medici e poi dal medico infettivologo: aveva febbre alta e difficoltà respiratorie. Era stata una notte in ospedale per precauzione e poi dimessa dopo accertamenti “ampi, prolungatisi per un periodo di Osservazione Breve Intensiva”, spiega una nota dell’Ulss 3. Alla giovane era stata prescritta una terapia a domicilio, assieme a “un coerente programma di esami e visite di rivalutazione”. Il 30 ottobre però la situazione è precipitata: i medici sono intervenuti a casa della giovane che è stata subito portata in ospedale. Lì le è stata constatata un’embolia polmonare. Sono intervenute le équipe della cardiologia e della rianimazione dell’ospedale, ma senza poter fare più nulla.

Nessuna denuncia è stata finora presentata e i sanitari dell’Ulss 3, si legge nella nota, “confermano anche in questa fase la piena disponibilità e la piena vicinanza ai familiari”. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera citando fonti dell’ospedale, il sospetto è che avesse contratto un virus tropicale. La Direzione dell’Ospedale sottolinea che “con lo stesso atteggiamento di accorata attenzione i medici si sono prodigati ieri, di fronte al gravissimo quadro presentatosi ai sanitari, nel tentativo di salvare la vita alla giovane paziente” e “con la medesima attenzione si erano svolti gli accertamenti sullo stato di salute della paziente durante l’accesso al Pronto Soccorso nella giornata di sabato 26 ottobre”. La nota evidenzia anche che era stato concordato “un coerente programma di esami e visite di rivalutazione, che non è stato possibile attuare per il precipitare del quadro clinico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mose, rinviato uno dei test finali sulle dighe mobili dopo vibrazioni ai tubi. “Precauzione”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, a due mesi dalla scadenza completata una campata su 19. Il sindaco: “Ritardi? L’opposto. Inaugurazione ad aprile”

next