“Stiamo lavorando a un testo di legge che recependo le giuste osservazioni della Corte Costituzionale non dimentichi che siamo in guerra con le mafie”. . Lo ha detto il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, annunciando la stesura di nuovo testo di legge dopo la sentenza della Consulta di alcuni giorni fa sui permessi ai mafiosi condannati all’ergastolo. La stessa richiesta formulata dalla petizione del Fatto Quotidiano, che chiede al Parlamento e al governo di legiferare per sanare il vulnus aperto dalla sentenza della Consulta.

“Dobbiamo ricordare a questo Paese che la mafia esisteva prima della legislazione antimafia, bisogna salvaguardare le tutele e le garanzie per quella società che vuole contrastare le mafie. Dobbiamo coniugare i diritti sacrosanti che vanno riconosciuti al nemico. Ma anche i doveri di precauzione e prudenza che sono propri del legislatore che voglia tutelare la comunità”, ha aggiunto Morra. Il testo di legge che sta preparando la commissione Antimafia è stato studiato dai magistrati distaccati a Palazzo San Macuto, seguendo gli input degli investigatori che in prima linea combattono le cosche.

No ai permessi premio per i boss stragisti che non collaborano – Firma qui anche tu la petizione de Il Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bio-on, revocati gli arresti domiciliari per l’ex presidente Astorri. Scatta il divieto di esercitare ruoli direttivi

prev
Articolo Successivo

“Vi faccio trovare il corpo davanti alla caserma”, il condannato per violenza chiama i carabinieri per minacciare la sua vittima

next