Mercoledì 23 ottobre, alle 15. È stata fissata l’audizione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, davanti al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir) durante la quale il capo del governo dovrà fornire la sua versione dei fatti riguardo al ruolo svolto nelle indagini americane sul Russiagate e su un suo presunto via libera al ministro della Giustizia di Washington, William Barr, a incontrarsi con i vertici dei servizi segreti italiani. “Il Comitato è convocato mercoledì 23 ottobre 2019, alle ore 15, per l’audizione del Presidente del Consiglio dei ministri”, si legge nel testo della convocazione.

Il presidente del Consiglio dovrà chiarire come si è arrivati e perché ai due incontri tra Barr e Gennaro Vecchione, capo del Dis, cioè il dipartimento che coordina l’intelligence, Mario Parente e il generale Luciano Carta, rispettivamente al vertice di Aisi e Aise, i servizi segreti interni ed esterni. Nell’arco della seconda visita di Barr a Roma, il membro dell’amministrazione Trump ha avuto anche modo di ascoltare la registrazione della deposizione del professore maltese della Link University, Joseph Mifsud, dopo che questo aveva chiesto protezione alla polizia italiana. L’uomo è scomparso dalla circolazione dal 2018 ed è ricercato dal governo Usa per i contatti avuti con George Papadopoulos, consigliere della campagna elettorale del presidente, durante i quali segnalò per primo l’esistenza di mail “compromettenti” in mano ai russi e riguardanti l’allora candidata Democratica alla Casa Bianca, Hillary Clinton.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Evasione fiscale, Salvini: “Pensare a manette per alcune decine di migliaia di euro è da fuori di testa. Sì a carcere, ma non per disperati”

prev
Articolo Successivo

Leopolda 2019, sono certo che Recalcati tornerà per spiegarci che fine ha fatto la sua teoria di Telemaco

next