Quanta umanità si è ritrovata alla due giorni del Memorial Stefano Cucchi, nel decennale della sua scomparsa. Nessuna delle associazioni per i diritti umani è voluta mancare. Ma anche tante tante altre. Non le nomino tutte perché farei sicuramente torto a qualcuna dimenticandomela. L’abbraccio delle varie delegazioni della Fiom, dei bellissimi lavoratori della Lamborghini, degli ultras dell’Atalanta da sempre vicini a Giovanni e Rita.

La mano che mi stringe la sindaca Virginia Raggi sul palco dopo essersi iscritta all’associazione Stefano Cucchi, l’abbraccio sincero di Maurizio Martina dopo esserci seduti attorno ad un tavolino per bere insieme uno spritz brindando anche alla sua iscrizione, il sorriso di Stefano Fassina, contento di esserci nonostante qualche dolore di troppo al costato. I giornalisti di #nobavagliopress. Ma, soprattutto, tantissima gente intorno a noi di ogni età ed estrazione sociale.

Solo applausi, abbracci e strette di mano. Famiglie che non hanno smesso di sperare in un mondo diverso, persone normali che non si sono arrese al cinismo, padre dell’odio. Tanta gente diversa, riunita dal cuore di idee che non debbono mai essere pretesti per dividere ma solo unire. Tanta voglia di esserci, di partecipare a un qualcosa di magico. Era ben percepibile da tutti.

L’anima di una umanità in marcia verso un orizzonte più limpido, libero dal fumo degli spot politici divisivi e fomentatori di odio che sono sempre, purtroppo, di facile presa. Un’umanità in marcia libera dalla sete di potere, quello fine a se stesso. Non c’è bisogno di dire altro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Maroni, in secondo grado chiesti 30 mesi per l’ex presidente della Lombardia

next
Articolo Successivo

Processo Maroni, l’ex presidente della Lombardia: “Mai fatto pressioni a nessuno. Rifarei tutto, vicenda incredibile”

next