“Per tenere in piedi un governo illegittimo, si concede a una banda di parlamentari di fare uno stupro di questo Parlamento, uno stupro che ricorda quello che è avvenuto nella casa dove Grillo ha riunito le forze politiche…”. Sono le parole in Aula di Vittorio Sgarbi, del gruppo Misto, poco prima del voto che dovrebbe dare il via libera alla riforma della Costituzione che riduce il numero di deputati e senatori. Il riferimento è all’inchiesta per violenza sessuale di gruppo che vede coinvolto il figlio del garante M5s insieme a tre amici. Il deputato è stato richiamato dalla vicepresidente della Camera Maria Edera Spadoni: “Le chiedo di moderare i toni e attenersi al tema”, ha detto. “Lei vuole che io taccia essendo lei di quel gruppo”, ha replicato Sgarbi. Nel corso dell’intervento, Sgarbi si è poi rivolto ai parlamentari del M5s, definendoli “falsi, ipocriti e ricattatori come Mussolini” e ha annunciato il suo voto contrario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio dei parlamentari, la Camera vota la riforma: segui la diretta dall’Aula

next
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, Delrio: “I dem votano sì con convinzione”. Contestazioni di Lega e FdI

next