Una perizia psichiatrica per comprendere le condizioni di Alejandro Augusto Stefan Meran, l’uomo che venerdì ha ucciso due poliziotti nella questura di Trieste. È intenzionata a chiederla la procura della città giuliana che nelle prossime ore ascolterà l’agente ferito e altri testimoni della sparatoria che nel momento in cui il dominicano ha aperto il fuoco si trovavano nell’atrio e fuori dall’ingresso di via Tor Bandena.

Sono queste le priorità dei magistrati che indagano su quanto accaduto venerdì pomeriggio quando Meran, dimesso oggi e portato nel carcere Ernesto Mari, ha sottratto la pistola a Pierluigi Rotta, ha ucciso lui e il collega Matteo Demenego, poi ha cercato la fuga impugnando entrambe le armi di ordinanza. Una sparatoria in tre fasi: la prima nel piano ammezzato dopo avvengono i due omicidi, poi nell’atrio quando le immagini delle telecamere riprendono il 29enne armato, quindi fuori dalla questura dove spara ancora contro l’auto della squadra Mobile prima di essere ferito all’inguine e fermato.

Per la ricostruzione dell’accusa si tratta di un’azione lucida: non ha sparato in modo confuso, ma ad altezza d’uomo e mirando agli uomini in divisa. Una familiarità con le armi che, vista l’assenza di precedenti in Italia, potrebbe essere spiegata dalle informazioni chieste in Germania dove spesso il 29enne era ospite di amici. Bisognerà verificare se qui ha precedenti o legami con gruppi criminali. E per chiarire i contorni del disagio psichico i pm chiederanno anche una perizia psichiatrica collegiale per valutare la capacità di intendere e volere di Meran.

La consulenza sarà affidata ai massimi esperti della materia e servirà a determinare se nel momento della sparatoria il 29enne avesse piena facoltà di sé oppure si possa parlare di infermità, ossia di vizio parziale o totale di mente, un aspetto che ha rilievo ai fini processuali tanto da poter rendere non imputabile chi ha commesso il reato. Il duplice omicidio potrebbe essere nato dalla ‘paura’ di finire in carcere per il furto dello scooter il quale si trovava in questura. Un furto avvenuto solo poche ore prima: era stato lo stesso fratello a denunciarlo e a chiedere l’intervento degli agenti che lo accompagno in questura.

Sulle polemiche legate alle fondine, intanto, è intervenuto il capo della Polizia, Franco Gabrielli. “La dinamica non ascrive in maniera inequivoca, e molto probabilmente non lo ascriverà nel futuro, una correlazione tra una ipotetica inefficienza della fondina e l’episodio che ha visto la morte dei due colleghi”, ha dichiarato il prefetto a L’Aria che tira su La7 commentando le polemiche seguite alla sparatoria, ribadendo l’esigenza di “non dare giudizi affrettati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bergamo, donna uccisa a coltellate: il marito si è arreso dopo un giorno di fuga

prev
Articolo Successivo

Omicidio Isabella Noventa, “le ossa ritrovate sulla spiaggia di Albarella non sono sue”

next