C’è chi è senza sedie e banchi e chi si ritrova senza collaboratori scolastici al punto da non poter aprire la scuola. Due storie, due casi registrati in due angoli diversi del Paese: a Roma e a Monreale, in Sicilia. All’istituto comprensivo “Uruguay” manca l’arredo scolastico per tre classi: due prime della secondaria di primo grado e una prima elementare. Insomma, l’aula c’è ma mancano i banchi e le sedie. La richiesta del materiale è stata fatta come sempre a giugno ma non è ancora arrivato nulla e così la preside Angela Minerva ha dovuto inventarsi una soluzione: i ragazzi fanno lezione nei laboratori anziché nelle loro classi. Una “pezza” che non soddisfa nessuno visto che in questo modo i laboratori diventano inutilizzabili dalle altre classi. “Stiamo affrontando un’emergenza – spiega la capo d’istituto – senza avere ancora in mano soluzioni certe. Stiamo parlando di 60-65 ragazzi che dall’inizio della scuola non abbiamo potuto accogliere nelle loro aule. Per due classi abbiamo optato per l’uso dei laboratori di arte e di informatica mentre per la terza classe abbiamo recuperato del materiale in disuso, vecchio e l’abbiamo rimesso in aula”. Una soluzione che non piace nemmeno alla dirigente: “Si sono creati degli inevitabili disagi: nel laboratorio d’arte non c’è il personal computer e non c’è nemmeno la lavagna multimediale. Inoltre a causa di questo spostamento i laboratori non sono utilizzabili dalle altre classi”. Eppure la preside a giugno aveva fatto richiesta del materiale: “Avevo risposto alla richiesta di fabbisogno del Municipio III. Ci dev’essere più rispetto – precisa Minerva – dei tempi d’avvio dell’anno scolastico. Da che mondo e mondo si sa che la scuola apre il 16 giugno e per quella data dev’essere tutto pronto”.

Ad Aquino, frazione di Monreale, invece, stamattina la scuola non è stata proprio aperta. Mamme, papà, bambini ma anche insegnanti hanno trovato i cancelli sbarrati a causa dell’assenza dei collaboratori scolastici. Tutti a casa in malattia e la scuola si è bloccata. I “bidelli” che avrebbero dovuto presentarsi presso i locali della scuola alle 7,30 per predisporre gli spazi per la mattinata in realtà hanno comunicato alla sede centrale della scuola di dover prendere dei giorni di malattia. Difficile a quell’ora per la segreteria trovare una soluzione immediata tant’è che per ore hanno cercato un supplente facendo scorrere la graduatoria ma solo a mezzogiorno ne hanno trovati due. “Nel frattempo – spiega la preside reggente Concetta Giannino – un bidello in servizio in un’altra scuola è stato mandato con i mezzi propri ad Aquino per acconsentire ad insegnanti e bambini di entrare e iniziare, seppur in ritardo, le lezioni. La concomitanza della malattia e la carenza di personale ci hanno messo in crisi”. Dall’altro canto al plesso sono assegnati solo tre collaboratori, un numero esiguo a dispetto delle numerosissime richieste fatte dalla scuola all’ufficio scolastico regionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, il ministro Fioramonti smonta il bonus docenti. E io da prof tiro un sospiro di sollievo

next
Articolo Successivo

Concorsi truccati? I rettori vogliono scegliersi i ricercatori. Ma non è così che si premia il merito

next