Piccole donne ritornano. La quarta riduzione cinematografica del celebre racconto di Louise May Alcott è a firma Greta Gerwig (Lady Bird) e uscirà in Italia il 30 gennaio 2020 (negli Stati Uniti il 25 dicembre 2019). La Sony ha rilasciato il trailer italiano, lunghetto e copioso, che sembra ricalcare chiaramente la struttura di base del romanzo.

Le quattro sorelle March, padre al fronte durante la guerra di secessione e loro a casa con mamma, ma determinate ad ottenere una futura indipendenza sociale ed economica. Jo, qui Saoirse Ronan nel ruolo che fu di Katherine Hepburn nel ‘33, June Allison nel ‘49 e Winona Ryder nel ‘94, è ovviamente la più ribelle e cercherà di diventare scrittrice; Meg è la sorella più grande e generosa interpretata da Emma Watson; l’emergente Florence Pugh è Amy; mentre la cagionevole di salute Beth ha il viso e il corpo di Eliza Scanlen, già adolescente malata nel folgorante Babyteeth.

A fare da contorno al quartetto: Laura Dern (mamma March); Meryl Streep nella parte della zietta spiritosa e lo stilosissimo Timothée Chalamet in quelli dell’innamorato vicino “Laurie” che Jo fa penzolare come un panno steso al sole. Simbolicamente un po’ frusto, ma dall’irresistibile glamour radical della Hollywood che conta oggi, il Piccole donne della Gerwig esce appena in tempo per posizionarsi sotto l’albero delle nomination degli Oscar. Segnaliamo comunque la versione televisiva del libro della Alcott che la Toei Animation ci regalò nei primi anni ottanta. Una vera chicca seriale con una sigla cult di Cristina D’Avena, Tutti abbiamo un cuore (per vivere nel mondo).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La vita invisibile di Euridice Gusmao, melò tropicale che ammalia lo sguardo – La clip

prev
Articolo Successivo

I love Pisa, il cortometraggio che Tommaso Casigliani ha dedicato alla sua città: “Non c’è cosa più bella dei sogni che facevo da bambino”

next