Félicité Tomlinson, la sorella del cantante degli One Direction, Louis, non si è suicidata ma è morta a causa di un’overdose di cocaina, Xanax e Oxicodone. È questa la conclusione a cui è giunta la polizia dopo mesi di indagini, come riferisce il Mirror. La ragazza aveva 18 anni ed era stata trovata morta nel suo appartamento: secondo il coroner a causarne la morte è stato un attacco di cuore “accidentale”, provocato da un “cocktail letale” di medicinali e droghe. L’autopsia ha rivelato condotta dalla tossicologa Susan Paterson ha fatto emergere come nel sangue della giovane fossero presenti altissimi livelli di Ossicotone così come di cocaina e Xanax.

“La ragazza è stata trovata incosciente da un’amica nella sua casa quando i soccorsi sono arrivati esercitando la respirazione cardiopomonare, ma senza successo – ha scritto il coroner nel suo rapporto finale, come scrive il Mirror -. Credo che la conclusione più appropriata sia una disavventura, parliamo di un individuo che prende volontariamente droga cedendo agli effetti collaterali di quest’assunzione accidentale di droghe e medicinali. In una certa misura sono sicuro che fosse a conoscenza dei rischi che stava prendendo, ma non credo sia stato un atto volontario per porre fine alla sua vita”.

Insomma, non si è trattato di un suicidio, ma di una conseguenza accidentale dell’eccessivo consumo di droghe e medicinali. Félicité era stata trovata senza vita nel suo appartamento londinese dalla compagna di scuola Zainab Mohammed che aveva dato subito l’allarme. La ragazza inizialmente aveva negato l’assunzione di droghe da parte della 18enne ma poi era stata costretta ad ammettere che aveva trovato l’amica con le labbra biancastre, subito dopo mezzogiorno, a quel punto aveva chiamato un’amico che le ha consigliato di chiamare i soccorsi. Così la polizia ha ricostruito che Félicité aveva acquistato e cocaina la sera prima e che la sua dipendenza dalla droga era iniziata dopo la morte della madre Johannah Deakin, scomparsa a causa della leucemia nel 2016 quando aveva 43 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla con guida autonoma lanciata in autostrada a 90 km/h con guidatore e passeggero addormentati: il video

next
Articolo Successivo

Coppia di blogger arrestata in Iran: rischiano dieci anni di carcere per aver fatto volare un drone

next