Non sono passate neanche ventiquattr’ore da che il nuovo iPhone 11 è stato svelato al mondo e già sta facendo discutere. Questa volta a scatenare le critiche non è il suo prezzo elevato ma il fatto che le nuove tre fotocamere dell’ultimo dispositivo Apple possono dare fastidio a chi soffre di Tripofobia, ovvero la paura dei buchi. Tutto è partito dalle segnalazioni di alcune persone che sui social hanno espresso il loro disagio dopo aver visto il design del nuovo melafonino e con il passare delle ore le segnalazioni si sono moltiplicate.

Tra queste c’è anche quella della youtuber Eva Gutowsky che su Twitter ha scritto: “Le tre telecamere del nuovo iPhone stimolano irrimediabilmente la mia Tripofobia. Non riesco a vedere persone camminare intorno a me ogni giorno con queste tre telecamere”. Come lei l’influencer Mona Nomura: “Queste telecamere sembrano facce di ragni e attivano la mia ‘paura dei buchi!’”. E ancora: “Ho sofferto di Tripofobia per vari anni e ora le tre telecamere dell’I-Phone mi portano a desiderare che tutto vada a fuoco”, ha scritto la cantante Em Harris.

A dare fastidio a chi soffre di questo disturbo è la posizione delle nuove tre fotocamere sul retro, perché oltre al fastidio per i buchi, si è terrorizzati dalla visione di pattern ripetitivi, come piccoli fori irregolari, ravvicinati e profondi. Sulla questione è intervenuto anche un medico specialistico, interpellato dal quotidiano Metro: “I buchi regolari hanno una struttura matematica simile all’accostamento dei colori o alle macchie presenti sugli animali e sulle piante pericolosi, per questo creano effetti sulle persone che soffrono di Tripofobia, perché ricordano loro qualcosa di brutto, pericoloso”, ha spiegato il dottor Geoff Cole, professore associato dell’Università dell’Essex e membro del Centro di studi sul cervello e autore del primo trattato sulla Tripofobia. Al momento da Apple non è arrivato alcun commento a riguardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sabrina Paravicini torna a casa dopo l’operazione: “Per me è stata dura, durissima. Il dolore anche solo a respirare”

next
Articolo Successivo

Si mettono a bere al bar e quando si accorgono che il loro aereo sta partendo scelgono una soluzione “estrema”

next