È diventato virale sui social il video-denuncia pubblicato da un utente di Twitter in cui si vede una Tesla lanciata a tutta velocità in autostrada mentre sia il passeggero che il guidatore dell’auto sono palesemente addormentati. È successo nei pressi di Newton, in Massachusetts. Dakota Randall, questo il nome dell’uomo che ha fatto la ripresa, stava guidando quando, affiancandosi alla Tesla, ha assistito alla scena surreale e ha deciso di immortalarla: nel video si vede la testa dell’uomo al volante palesemente a penzoloni, segno di un sonno profondo, e accanto a lui un’altra persona, anche lei addormentata.

Come riporta il Guardian, dopo aver constatato che entrambi gli ospiti della vettura fossero addormentati, Randall ha capito che l’auto aveva il pilota automatico impostato su una velocità di crociera di 90-95 km/h. È rimasto affiancata alla Tesla per una quarantina di secondi, durante i quali ha suonato più volte il clacson per tentare di svegliare il guidatore. Poi ha accelerato lasciando indietro l’auto e ha pubblicato il video con questo messaggio: “Un tipo letteralmente addormentato al volante sulla Mass Pike (una locale strada a pedaggio, ndr). Un posto perfetto per farlo”.

Il suo post ha attirato l’attenzione di Tesla che ha subito precisato che il sistema di monitoraggio del guidatore ripete costantemente all’autista di restare vigile e proibisce l’uso del pilota automatico quando i segnali sono ignorati.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiede al fidanzato di accompagnarla al matrimonio di un amico, poi si fa trovare all’altare con il vestito bianco: “Ho deciso di metterlo io in una situazione imbarazzante”

next
Articolo Successivo

Louis Tomlinson, la sorella del cantante degli One Direction non si è suicidata: “È morta per overdose”

next