In dieci mesi, tra novembre 2018 e il 31 agosto 2019, il batterio New Delhi ha causato in Toscana la morte di 31 persone, con 708 ricoveri di soggetti portatori del ceppo. È quanto rileva l’aggiornamento dell’Agenzia Regionale di Sanità che monitora la diffusione degli enterobatteri Ndm (New Delhi metallo beta-lactamase). In questo periodo i batteri Ndm “sono stati isolati nel sangue di 75 pazienti. I casi sono risultati letali nel 40% dei pazienti con sepsi, percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici”, sottolinea l’Ars.

La ricerca attiva dei batteri riguarda i pazienti ricoverati in reparti specifici (terapie intensive e sub-intensive, oncologia, oncoematologia, trapianti, cardiochirurgia, malattie infettive, area medica, riabilitazione) oppure pazienti che presentino caratteristiche di rischio, ricoverati in altri reparti. “Ndm – ricordano gli esperti – rappresenta un nuovo meccanismo di antibiotico-resistenza, sviluppato da batteri normalmente presenti nella flora intestinale umana che possono diventare virulenti in seguito all’esposizione prolungata a determinati antibiotici. La capacità di resistere agli antibiotici rende pertanto pericolosi questi batteri, soprattutto in pazienti fragili, già colpiti da gravi patologie o immunodepressi“.

L’assessorato alla Salute ha costituito a maggio 2019 “un’unità di crisi che ha prodotto un documento di indicazioni regionali per il contrasto alla diffusione di batteri Ndm”. Le aziende sanitarie toscane “hanno messo in atto tutti gli interventi volti a sorvegliare l’evoluzione del fenomeno tramite screening attivo, a rinforzare le procedure di prevenzione e controllo delle infezioni nelle strutture sanitarie e ad adottare schemi terapeutici più adeguati per il trattamento delle infezioni da batteri Ndm”.

Da questa mattina, all’indirizzo www.ars.toscana.it, raggiungibile da un banner in home page, è pubblicato il monitoraggio sulla diffusione del batterio Ndm. Nella pagina si spiega cos’è l’NDM, e si parla del caso Toscana, specificando che dal novembre 2018 al 31 agosto 2019 i batteri NDM sono stati isolati nel sangue di 75 pazienti. Una tabella riporta i casi di isolamento del batterio per ciascun presidio ospedaliero.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondrio, tempesta di neve blocca tredici escursionisti a oltre 2 mila metri: tra loro anche bambini. Recuperati in elicottero

prev
Articolo Successivo

Roberto Bruni morto, l’ex sindaco di Bergamo aveva 70 anni: avvocato, socialista e partigiano

next