È morto a 94 anni il grande fotografo Robert Frank, icona della fotografia del ‘900 e tra i più influenti maestri del reportage. Si è spento nella sua casa nell’isola del Capo Bretone, nella provincia della Nuova Scozia, in Canada, dove si era ritirato a vivere da un decennio. L’annuncio della sua scomparsa è stato pubblicato oggi dal “New York Times“. Frank è entrato nel mito della fotografia mondiale per il viaggio “on the road” negli Usa, condotto su una vecchia auto scalcagnata tra il 1955 e il 1956, che poco dopo fu raccontato nel libro fotografico “The Americans“, che si è imposto come un grande classico di “letteratura visiva”, una “ballad” per immagini, pietra angolare della storia della fotografia e del reportage, testimonianza di un’epoca che ha definitivamente segnato il nostro immaginario. Per la prima edizione americana l’introduzione fu scritta da Jack Kerouac, icona della Beat Generation, di cui fu amico.

Dal 1941 al 1944 Frank lavorò come assistente fotografo al seguito di Hermann Segesser e Michael Wolgensinger e nel 1946 si autofinanziò la prima pubblicazione, cui dà il titolo di ‘40 Fotos‘. Nel 1947 lasciò l’Europa per trasferirsi negli Stati Uniti, dove a New York Alexey Brodovitch lo ingaggiò come fotografo di moda per la rivista “Harper’s Bazaar“. Parallelamente alla fotografia di moda svolse una prolifica attività di reporter freelance che lo portò ad affrontare viaggi in Perù e Bolivia nel 1948 e nel 1949 in Europa (Francia, Italia, Svizzera e Spagna).

Tra il 1952 e il 1953 continuò in Europa la sua attività di reporter tra Parigi, Londra, Galles, Spagna e Svizzera. In questo periodo abbandonò definitivamente la fotografia di moda e cominciò a lavorare sempre più seriamente come fotogiornalista freelance. Nel 1955 Frank fu il primo fotografo europeo a ricevere la borsa di studio annuale promossa dalla Fondazione Guggenheim di New York. Con i soldi ricevuti viaggiò per tutti gli Stati Uniti dal 1955 al 1956, riprendendo oltre 24.000 fotografie. Nel 1958 pubblicò a Parigi “Les Américains“, una selezione di 83 immagini tratte dal viaggio americano e l’anno dopo la Grove Press pubblicò il volume negli Stati Uniti col titolo “The Americans“.

E’ in quel periodo che Frank entrò in contatto con i principali esponenti della nuova generazione letteraria e artistica americana, soprattutto con gli esponenti della Beat Generation. Strinse una salda amicizia con lo scrittore Jack Kerouac, con il quale portò a termine varie collaborazioni. Oltre ad aver compiuto un viaggio on the road insieme, compiuto nel 1958 verso la Florida, Kerouac si occupò di scrivere l’introduzione al libro “The Americans” per l’edizione americana. Nel 1959 venne realizzata la più nota collaborazione con la Beat Generation, quando Frank, unitamente al pittore Alfred Leslie, diresse il suo primo film, “Pull My Daisy“. Scritto e narrato da Jack Kerouac e interpretato, tra gli altri, da Allen Ginsberg e Gregory Corso, il film è considerato il primo esempio di New American Cinema.

Negli anni ’60, nonostante il crescente successo dei suoi lavori, Frank abbandonò la fotografia per dedicarsi completamente alla realizzazione di film, dando vita a un cinema carico di tensioni e tematiche prettamente private e introspettive, come testimoniano “Conversations in Vermont” (1969) e “About Me: A Musical” (1971). Collaborò ancora con i Beats, soprattutto Ginsberg, Orlovsky e Burroughs, ma anche con i Rolling Stones (Cocksucker Blues, 1972, documentario censurato dallo stesso gruppo), Tom Waits, Joe Strummer (Candy Mountain, 1986) e Patti Smith.

Lontano tanto dal documentarismo sociale quanto dal sentimentalismo che dominava certa fotografia dell’epoca, la visione intensa e anticonformista di Frank si pone in naturale contiguità con quella dei Beat, con i quali condividerà parte del suo percorso. Le sue esperienze di quegli anni, sfociate nel libro “The Americans“, come le successive evoluzioni stilistiche cui ha sottoposto il suo lavoro fotografico dopo diverse incursioni nel campo del film, hanno fatto di Robert Frank uno tra i più significativi protagonisti della storia della fotografia e un imprescindibile punto di riferimento per le generazioni successive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caduta Libera, “la profezia di Gerry Scotti”: quello che dice al campione a inizio puntata si “avvera”

prev
Articolo Successivo

Barbara D’Urso: “Potevo morire, quella lastra poteva spaccarmi la testa o sfigurarmi. Non dormo di notte per i dolori”

next