“Abbiamo giocato con Wonder Woman per il video promozionale di Live, ma in realtà mi sono salvata per un vero miracolo. Potevo morire. Quella lastra mi è arrivata tra l’orecchio e la mandibola, pochi centimetri e poteva spaccarmi la testa o sfigurarmi”. A raccontarlo in un’intervista al Giornale è Barbara D’Urso, che è tornata a parlare dell’incidente che le è capitato qualche giorno fa, quando è scivolata e cadendo si è scontrata con una lastra di cristallo. La conduttrice aveva avvisato i suoi fan dell’accaduto con un post su Instagram, in cui si mostrava con un collare sanitario.

Un brutto incidente dal quale però Barbarella, con la forza e l’entusiasmo che la contraddistinguono, si è subito ripresa: “Merito delle cure del medici dell’Humanitas, della fisioterapia, del collarino, degli antidolorifici. Non dormo di notte per i dolori, ma comunque sto meglio e la mente funziona. Mi sono spaventata da morire, ho capito che mi ero fatta male sul serio. È stato un trauma, ma io non mi fermo mai, reagisco. E questa vicenda mi ha insegnato ancora di più che la vita va vissuta con gioia e serenità perché in un attimo può cambiare tutto”, ha aggiunto Barbara che ha tenuto a precisare che “dopo due giorni sono tornata in studio a fare le riunioni, con il collarino… Anche con 40 di febbre io non mi fermo. C’è il pubblico che mi aspetta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Robert Frank, addio a uno dei più grandi fotografi del ‘900: con Jack Kerouac fece “The Americans”

next
Articolo Successivo

Superenalotto, “la vincita record da 209 milioni di euro non è ancora stata riscossa”. I tabaccai: “Non sappiamo chi è il fortunato vincitore”

next