Giovanni Toti sta bene. A Cernobbio per partecipare al Forum Ambrosetti, il presidente della Regione Liguria ostenta serenità nonostante la rocambolesca uscita di Matteo Salvini dal governo proprio mentre lui lasciava Silvio Berlusconi e Forza Italia. “Solo? Ma io non volevo stare al governo coi grillini, per me non cambia nulla”. E sui progetti per il centrodestra aggiunge: “Avremo più tempo per organizzarci, senza vecchi schemi ma anche senza fare flessioni e mostrare i muscoli”. A chi gli fa notare che ad allearsi con la Lega si rischia di veder salire lo spread, Toti replica: “Si può essere sovranisti ed europeisti. Guardate Merkel e Macron“. Ma nella ricetta ci mette anche un consiglio a Salvini: “Meglio essere aperti e accettare i contributi di tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Conte 2, De Luca: “Non c’è più ministra Grillo? Grave perdita, che peccato. Salvini? A Milano spacciatori coi machete, altro che sicurezza”

next
Articolo Successivo

Governo Conte 2, si è fatta di necessità virtù

next