È già suonata la campanella oltre Manica per i principini George e Charlotte, quest’ultima al suo primo giorno di scuola. La secondogenita di William e Kate, 4 anni, ha iniziato il 5 settembre il suo primo anno nella scuola “da grandi” (quella che da noi è la prima elementare, ndr) e ha fatto il suo arrivo aggrappandosi alla mano della mamma e regalando un sorriso birichino ai flash dei fotografi che hanno immortalato la scena. Con lei c’era anche il fratello maggiore, George, tenuto invece da papà William.

I bisnipoti della regina Elisabetta frequentano entrambi la prestigiosa Thomas’s Battersea di Londra, istituto nel sud di Londra in cui sono passati molti studenti illustri, oltre che ovviamente William e il fratello Harry. Qui si inizia a 4 anni e si prosegue fino agli 11. Come riportano i tabloid britannici, la prima regola fondamentale di questa scuola è che bisogna “essere gentili” ma sono vietati i migliori amici “per evitare di ferire i sentimenti dei più piccoli”.

George e Charlotte devono indossare una divisa che ha tre versioni: una estiva, una invernale e una sportiva. I capelli – se più lunghi delle spalle – devono essere raccolti utilizzando rigorosamente elastici o cerchietti rossi o blu, i colori della scuola. Il nome completo della secondogenita dei Duchi di Cambridge è Charlotte Elizabeth Diana eil suo titolo ufficiale è Sua Altezza Reale, principessa Charlotte di Cambridge, ma a scuola la chiameranno solo Charlotte Cambridge. Come già succede al fratello George, il titolo dei genitori diventa il suo cognome.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lorella Cuccarini: “Non sono l’ultima starlettina raccomandata. Heather Parisi? Non so di chi tu stia parlando”

next
Articolo Successivo

Venezia 79, un red carpet alternativo di cui nessuno ha mai sentito parlare

next