“Io vi devo portare in viaggio. Se io a pagina due non vi ho portato da un’altra parte, voi avete il diritto sacrosanto di chiudere quel libro e di passare avanti. Un tempo quando andavamo in vacanza prendevamo tutti i libri che avremmo letto andando in vacanza, per riempire il tempo libero. Adesso noi invece dobbiamo trovare il tempo per leggere. Prima i libri riempivano il tempo libero, oggi dobbiamo liberare il tempo per leggere“. A dirlo è Maurizio De Giovanni, l’autore de I bastardi di Pizzofalcone, da cui è stata tratta l’omonima serie televisiva, intervistato da Claudia Rossi alla Versiliana 2019. L’autore ha spiegato come al giorno d’oggi “i social, l’informazione costante e i tg h24 ci hanno riempito il tempo, per cui noi se vogliamo leggere dobbiamo sgominare per ritagliarci questo tempo dedicato alla lettura. Per questo è di capitale importanza avere dei libri belli da leggere“, ha spiegato De Giovanni.

“Abbiamo la necessità di trovarci il libro giusto da leggere e il libro giusto è un viaggio, che deve portare qualcuno da qualche parte – ha proseguito -. Il libro deve essere un’esperienza sensoriale perché la lettura è fatta per il 50% della scrittura ma l’altro 50% è la lettura. Un libro non esiste finché qualcuno non lo legge perché la lettura del libro implica l’immaginazione. Leggere è un’attività, guardare uno schermo è invece una passività”, ha concluso De Giovanni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Con-vivere, a Carrara il festival dedicato all’educazione e alla formazione: tra gli ospiti Mogol, Danilo Rea e Paolo Mieli

next
Articolo Successivo

Festivaletteratura di Mantova 2019, la guida ai 10 appuntamenti da non perdere dal 4 all’8 settembre

next