“Scivolare” su un congiuntivo. È capitato a Pierluigi Diaco, durante la puntata di Io e Te. Mentre il giornalista intervistava Tullio Solenghi ha infatti detto: “Questa macchina se potrebbe parlare cosa direbbe…”. Nessuno stop dopo la gaffe: la chiacchierata è proseguita fino all’interruzione pubblicitaria. Al ritorno in onda però, Diaco si è scusato: “Sono desolato cari telespettatori, mi scuso con tutti voi. Ho un grandissimo rispetto per la lingua italiana. Prima citando la macchina di Solenghi ho detto ‘questa macchina se potrebbe parlare’, invece che ‘se potesse parlare’”. E ancora: “Siccome tengo all’italiano e chi fa il mio mestiere deve essere vigile sulla lingua, mi scuso con tutti voi per non aver onorato la più bella lingua del mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miss Italia 2019 diventa un caso in Rai. “Una società di Patrizia Mirigliani ha un contenzioso per oltre un milione di euro con l’organizzatore del 2016-17”

next
Articolo Successivo

“Matrimonio a prima vista”, la sessuologa Nada Loffredi: “I concorrenti cercano le farfalle nello stomaco ma il programma non prevede questo”

next