“Scivolare” su un congiuntivo. È capitato a Pierluigi Diaco, durante la puntata di Io e Te. Mentre il giornalista intervistava Tullio Solenghi ha infatti detto: “Questa macchina se potrebbe parlare cosa direbbe…”. Nessuno stop dopo la gaffe: la chiacchierata è proseguita fino all’interruzione pubblicitaria. Al ritorno in onda però, Diaco si è scusato: “Sono desolato cari telespettatori, mi scuso con tutti voi. Ho un grandissimo rispetto per la lingua italiana. Prima citando la macchina di Solenghi ho detto ‘questa macchina se potrebbe parlare’, invece che ‘se potesse parlare’”. E ancora: “Siccome tengo all’italiano e chi fa il mio mestiere deve essere vigile sulla lingua, mi scuso con tutti voi per non aver onorato la più bella lingua del mondo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Miss Italia 2019 diventa un caso in Rai. “Una società di Patrizia Mirigliani ha un contenzioso per oltre un milione di euro con l’organizzatore del 2016-17”

prev
Articolo Successivo

“Matrimonio a prima vista”, la sessuologa Nada Loffredi: “I concorrenti cercano le farfalle nello stomaco ma il programma non prevede questo”

next