Tre giorni di tempo per far sparire dalla circolazione i monopattini elettrici. È quanto ha stabilito il Comune di Milano nei confronti degli operatori dei servizi di noleggio di questi mezzi, neanche un mese dopo l’entrata in vigore della sperimentazione del nuovo regolamento del Ministero dei Trasporti che ne gestisce l’utilizzo in città. Il documento, firmato dagli assessori Anna Scavuzzo (responsabile della Sicurezza) e Marco Granelli (alla Mobilità) diffida gli operatori dal continuare l’attività di noleggio e prevede che i monopattini in sharing debbano sparire dalle strade milanesi finché il Comune non avrà predisposto il bando per l’assegnazione del servizio e non saranno stati installati i nuovi cartelli previsti dalla normativa. Non solo, come riferisce il Corriere della Sera, Palazzo Marino sottolinea anche che alle società di noleggio non solo non era mai stata data l’autorizzazione per l’avvio dell’attività ma, anzi, era stata espressamente negata ai richiedenti.

Al momento nel capoluogo lombardo sono almeno 7 le società che offrono questo servizio di sharing ma sono molti anche i cittadini che hanno invece già acquistato monopattini, segway e overboard elettrici e per loro vale quanto scritto nel regolamento in vigore come sperimentazione, secondo cui l’utilizzo di questi mezzi elettrici è consentito soltanto nelle aree pedonali e solo con velocità massima di 6 chilometri orari, mentre è vietato circolare sui marciapiedi. Ciononostante però, i monopattini hanno continuato a circolare anche nelle aree vietate, e secondo il quotidiano milanese, si è verificato anche un incidente nel quale un pedone, travolto da un monopattino in sharing, ha riportato fratture: sul caso indaga la Procura che ha aperto un fascicolo per verificare se le aziende stiano operando legalmente.

D’altra parte, negli ultimi mesi i monopattini elettrici sono diventati un mezzo di trasporto sempre più popolare in tutta Europa, scelto da molti come valida alternativa “green” ai mezzi pubblici ma anche all’auto o alla bici. Questo però ha comportato non pochi problemi per la viabilità dal momento che vista l’elevata velocità che possono raggiungere (50 km/h) costituiscono un pericolo per i pedoni sui marciapiedi ma, al contempo, non è sicuro per il conducente circolare in carreggiata tra auto e moto. Molti sono infatti gli incidenti, anche mortali, che hanno visto coinvolte persone che viaggiavano in monopattino: l’ultimo qualche giorno fa a Parigi, dove un giovane di 30 anni è entrato in tangenziale a bordo del suo monopattino ed è morto travolto da una moto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Asap Rocky, il rapper è stato condannato ma non andrà in carcere come voluto da Donald Trump

prev
Articolo Successivo

Trentino, base jumper di 30 anni muore al Becco dell’Aquila: precipitata nel vuoto per oltre 200 metri

next