Durante la discussione sul calendario della crisi, Matteo Salvini, seduto in Senato tra i banchi della Lega (e non del governo) ha preso la parola per accogliere il taglio dei parlamentari prima di sfiduciare il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e poi andare al voto subito. “Affare fatto” ha detto Salvini. Poi è intervenuto il capogruppo 5Stelle in Senato Stefano Patuanelli : “Il taglio dei parlamentari – ha detto rivolgendosi ai leghisti – è possibile solo se domani non viene votata la mozione di sfiducia presentata dal Presidente Romeo”. A quel punto Romeo gli ha mimato gesti del ‘pinocchio’ mentre Centinaio ha sbottato: “Ma con chi ca… abbiamo governato” ha detto rivolgendosi ai colleghi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Taglio dei parlamentari e poi voto”. Ma M5s fiuta il bluff: prima Conte andrà in Senato (e il governo potrebbe cadere)

next
Articolo Successivo

Crisi, Salvini: “Anche con il taglio dei parlamentari si può votare a ottobre con la legge attuale”

next