Voleva provare anche lei i benefici della sauna vaginale, un trattamento di vapore e erbe praticato dall’attrice Gwyneth Paltrow e da altre dive di Hollywood, ma è stata ricoverata in ospedale con ustioni di secondo grado nelle parti intime. È quanto successo ad una donna canadese di 62 anni, il cui caso è stato studiato da alcuni ginecologi autori di un articolo pubblicato sul “Journal of Obstetrics and Gynaecology Canada”.

La donna era andata da un esperto di medicina tradizionale cinese per ridurre i dolori dovuti ad un prolasso genitale, per il quale si sarebbe dovuta operare qualche settimana dopo. Questo però l’ha sottoposta a un bagno di acqua bollente e non al solo vapore, oltretutto senza che venissero in alcun modo rinfrescati i genitali. Risultato: ustioni di secondo grado al collo dell’utero e sulle pareti vaginali. Ma se questo è il primo caso di ustioni registrato, i medici sconsigliano fortemente questa pratica, tanto più alle donne che soffrono di prolasso genitale.

In generale, dopo l’eco mediatico avuto dalla sauna vaginale, molti ginecologi si sono detti preoccupati per questa tecnica e gli stessi autori dell’articolo ricordano che la vagina contiene dei batteri che servono a proteggerla. La sauna può dunque squilibrare il naturale equilibrio della flora vaginale e i livelli di Ph, con rischi di irritazioni, infezioni oltre che ustioni. Dal canto loro, i promotori sostengono che la pratica abbia un lunghissimo elenco di benefici: oltre a purificare le parti intime, sarebbe in grado di stimolare la produzione di ormoni per mantenere la salute uterina, aiutare la sterilità, aumentare il desiderio sessuale, aiutare a ringiovanire e stimolare i tessuti vaginali, favorire la circolazione, a regolare il ciclo mestruale e ridurre la sindrome premestruale, oltre a ridurre lo stress. Risultati, però, tutti da dimostrare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maltempo, 15 calciatori colpiti da un fulmine: ricoverati in ospedale

prev
Articolo Successivo

Bambino di 3 anni gioca a nascondino con il fratello e si infila nella lavatrice: muore asfissiato

next