Voleva provare anche lei i benefici della sauna vaginale, un trattamento di vapore e erbe praticato dall’attrice Gwyneth Paltrow e da altre dive di Hollywood, ma è stata ricoverata in ospedale con ustioni di secondo grado nelle parti intime. È quanto successo ad una donna canadese di 62 anni, il cui caso è stato studiato da alcuni ginecologi autori di un articolo pubblicato sul “Journal of Obstetrics and Gynaecology Canada”.

La donna era andata da un esperto di medicina tradizionale cinese per ridurre i dolori dovuti ad un prolasso genitale, per il quale si sarebbe dovuta operare qualche settimana dopo. Questo però l’ha sottoposta a un bagno di acqua bollente e non al solo vapore, oltretutto senza che venissero in alcun modo rinfrescati i genitali. Risultato: ustioni di secondo grado al collo dell’utero e sulle pareti vaginali. Ma se questo è il primo caso di ustioni registrato, i medici sconsigliano fortemente questa pratica, tanto più alle donne che soffrono di prolasso genitale.

In generale, dopo l’eco mediatico avuto dalla sauna vaginale, molti ginecologi si sono detti preoccupati per questa tecnica e gli stessi autori dell’articolo ricordano che la vagina contiene dei batteri che servono a proteggerla. La sauna può dunque squilibrare il naturale equilibrio della flora vaginale e i livelli di Ph, con rischi di irritazioni, infezioni oltre che ustioni. Dal canto loro, i promotori sostengono che la pratica abbia un lunghissimo elenco di benefici: oltre a purificare le parti intime, sarebbe in grado di stimolare la produzione di ormoni per mantenere la salute uterina, aiutare la sterilità, aumentare il desiderio sessuale, aiutare a ringiovanire e stimolare i tessuti vaginali, favorire la circolazione, a regolare il ciclo mestruale e ridurre la sindrome premestruale, oltre a ridurre lo stress. Risultati, però, tutti da dimostrare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maltempo, 15 calciatori colpiti da un fulmine: ricoverati in ospedale

next
Articolo Successivo

Bambino di 3 anni gioca a nascondino con il fratello e si infila nella lavatrice: muore asfissiato

next