Un uomo annega in mare, arriva l’ambulanza, ma i soccorsi vengono rallentati dalla presenza di un’auto in sosta vietata. Cesare Lazzari, 59 anni, dirigente scolastico di Lucca, è morto nella notte all’ospedale Cannizzaro di Catania. L’episodio è avvenuto nel pomeriggio di giovedì a Sampieri, frazione di Scicli, nel Ragusano, con gli operatori del 118 bloccati da un’auto che ostruiva l’accesso ad una strada che costeggia la pineta e che avrebbe consentito ai sanitari di raggiungere la spiaggia.

Erano circa le 17:30 quando i bagnini sono intervenuti per salvare Cesare Lazzari: il 59enne è stato subito portato a riva, ma era già privo di sensi. In attesa dell’arrivo dell’ambulanza, partita da una vicina frazione, i bagnini hanno cercato di mantenere in vita l’uomo che, molto probabilmente, è stato colpito da infarto. “Mentre intervenivo con il defibrillatore – racconta a ilfattoquotidiano.it uno dei bagnini- con la coda dell’occhio vedevo in lontananza l’ambulanza ferma e non riuscivo a capire perché gli operatori del 118 non arrivassero”. I sanitari erano bloccati dal Suv in sosta vietata, così, dopo alcuni momenti concitati, hanno deciso di raggiungere la spiaggia a piedi.

Arrivati sul posto, rendendosi conto delle condizioni disperate di Lazzari e tenuto conto che l’ambulanza era bloccata ad alcune centinaia di metri di distanza, hanno deciso di chiedere l’intervento dell’elisoccorso per il trasporto immediato all’ospedale Cannizzaro di Catania. “In queste occasioni – ha spiegato un operatore del 118 intervenuto sul posto – anche i secondi sono fondamentali. Adesso non mi sento di dire che senza l’ostacolo dell’auto avremmo potuto salvare la persona annegata, anche perché i bagnini avevano già attivato tutte le procedure del primo soccorso, ma il fatto di aver dovuto prendere tutto il materiale e trasportarlo sul posto ci ha fatto perdere oltre 5 minuti”.

“Sapevo – afferma invece una testimone – che prima o poi sarebbe accaduto. Sampieri in estate sembra una zona franca, non ci sono controlli, molti automobilisti occupano abusivamente i posti riservati ai disabili, alcuni, come nel caso accaduto ieri, gli accessi”. Giovedì, racconta il testimone, “il Suv è stato lì per tutto il tempo, anche dopo l’arrivo dell’elisoccorso, ad un tratto poi non l’ho visto più, Credo che il proprietario dell’auto sia andato via in sordina, rimanendo impunito”. Ilfattoquotidiano.it ha contattato anche il sindaco di Scicli, Enzo Giannone, che ha riferito di aver chiesto alla comandante della Polizia locale di verificare i fatti, individuare il proprietario dell’auto e adottare provvedimenti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuneo, è salvo lo speleologo francese intrappolato a 300 metri di profondità: allargati varchi con micro cariche di esplosivo

next
Articolo Successivo

Chieti, 15enne muore sul campo di calcetto mentre era in vacanza: ipotesi malformazione coronarica. Il medico: “Non era rianimabile”

next