Nel giorno in cui al Senato, tra numeri incerti e malumori nel gruppo M5s, arriva il decreto Sicurezza bis, provvedimento bandiera di Matteo Salvini, è l’ex senatore pentastellato, poi espulso, Gregorio De Falco ad attaccare: “Il vero intento di questo provvedimento è creare la morte delle persone come deterrente reale“, ha sottolineato. E ancora, rivolgendosi proprio al suo vecchio gruppo di appartenenza, chiedendo agli ex colleghi un voto di coscienza, fuori dalle logiche di maggioranza: “Questa volta votate secondo coscienza, non secondo l’ordine di scuderia. Abbiate la schiena dritta perché questa è una norma criminogena, mortifera”. Ad ascoltare le sue parole, presenti in Aula a Palazzo Madama, diversi senatori M5s che osteggiano il provvedimento, da Elena Fattori (che da tempo ribadisce di non voler votare il decreto, ndr) fino ai più dubbiosi Matteo Mantero e Alberto Airola

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav, Salvini: “Voto a favore della mozione M5s sarebbe una sfiducia a Conte”. Toninelli: “Minacci chi vuole, governo non cadrà”

prev
Articolo Successivo

Dl Sicurezza Bis, Marcucci (Pd): “Non c’è mandato al relatore. La solita vergogna, si calpestano diritti del Parlamento”

next