Nel giorno in cui al Senato, tra numeri incerti e malumori nel gruppo M5s, arriva il decreto Sicurezza bis, provvedimento bandiera di Matteo Salvini, è l’ex senatore pentastellato, poi espulso, Gregorio De Falco ad attaccare: “Il vero intento di questo provvedimento è creare la morte delle persone come deterrente reale“, ha sottolineato. E ancora, rivolgendosi proprio al suo vecchio gruppo di appartenenza, chiedendo agli ex colleghi un voto di coscienza, fuori dalle logiche di maggioranza: “Questa volta votate secondo coscienza, non secondo l’ordine di scuderia. Abbiate la schiena dritta perché questa è una norma criminogena, mortifera”. Ad ascoltare le sue parole, presenti in Aula a Palazzo Madama, diversi senatori M5s che osteggiano il provvedimento, da Elena Fattori (che da tempo ribadisce di non voler votare il decreto, ndr) fino ai più dubbiosi Matteo Mantero e Alberto Airola

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Salvini: “Voto a favore della mozione M5s sarebbe una sfiducia a Conte”. Toninelli: “Minacci chi vuole, governo non cadrà”

next
Articolo Successivo

Dl Sicurezza Bis, Marcucci (Pd): “Non c’è mandato al relatore. La solita vergogna, si calpestano diritti del Parlamento”

next