È annunciato per il 4 e 5 agosto lo sciopero nazionale dei casellanti indetto dalle sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Trasporti. Sono previste 4 ore di astensione dal lavoro “a singhiozzo” da parte del personale delle autostrade e dei trafori. I sindacati stanno trattando per il rinnovo del loro contratto di lavoro. Nella giornata di domenica 5, in cui sono previsti un traffico da bollino rosso e temperature sopra ai 30 gradi, lo scorrimento sarà quindi ancora più rallentato e si potrà passare ai caselli solo con Telepass e carte di credito.

A scioperare saranno in particolare gli operatori dei caselli autostradali e i turnisti, che non rientrano delle categorie di lavoratori soggetti alla legge 146, perché il loro non è ritenuto dalle società concessionarie “lavoro essenziale”. Per queste categorie le ore di sciopero di domenica 4 andranno dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 22, alle quali si aggiungeranno quelle dalle 22 alle 2 di lunedì 5.  A rimanere attivi saranno invece i lavoratori addetti alle sale operative, gli addetti agli impianti e gli addetti al “pronto intervento” del soccorso stradale, ovvero “tutto il personale sottoposto alla legge sullo sciopero ed alla regolamentazione provvisoria del settore”.  “Il personale tecnico e amministrativo – aggiungono i sindacati – si fermerà le prime 4 ore del proprio turno di lunedì 5 agosto“.

I sindacati specificano che la decisione si deve alla “fase critica che sta attraversando la trattativa” con le società concessionarie autostradali rappresentate da Acap-Fise e Federreti, di cui fa parte Autostrade per l’Italia: “Non sono stati ancora sciolti alcuni nodi della parte normativa del contratto – e, aggiungono – le anticipazioni sulla parte economica che verrà affrontata nei prossimi incontri del 30 e del 31 luglio non sono soddisfacenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Perla, sospesa ad agosto la procedura di mobilità per 126 dipendenti di Bologna

prev
Articolo Successivo

Spagna, i rider vincono una maxi-causa. Ma per qualche diritto in più servirà pedalare ancora

next