La pattuglia in appoggio che non c’è, due pusher ricercati e il depistaggio del loro tramite, che ha denunciato il furto dello zaino al 112 dicendo di essere stato aggredito da due maghrebini. Ma lui sapeva che quei due erano americani, e li conosceva. Sono questi i nuovi elementi chiave della vicenda che ha portato all’accoltellamento e alla morte del vice brigadiere Mario Rega Cerciello, per la quale sono indagati con l’accusa di omicidio aggravato e tentata estorsione i due cittadini americani Elder Finnegan Lee e Christian Gabriel Natale Hjorth.

Sergio Brugiatelli – vittima del furto dello zaino, al momento a piede libero e non ai domiciliari, notizia non vera che si era diffusa venerdì sera – è il tramite di un paio di pusher dai quali gli americani avrebbero dovuto comprare cocaina. In un video registrato dalle telecamere di videosorveglianza (sopra uno screenshot), si vede l’uomo, calvo, a piedi in bici. Vicino a lui i due ragazzi poi arrestati. Insieme si avvicinano a una panchina dove un uomo gli indica di andare alla loro destra. A quel punto i tre seguono l’indicazione ed escono tutti e tre insieme dall’inquadratura. 

Quella che però viene consegnata loro non è cocaina, bensì un’aspirina tritata, motivo per cui i due giovani si vendicano rubando lo zaino a Brugiatelli. A quel punto il tramite degli spacciatori contatta i due ragazzi per riavere il maltolto, chiamando il suo cellulare – contenuto all’interno dello zaino – dal cellulare di un passante. Per restituirglielo, loro chiedono la droga vera, un grammo di cocaina, e 100 euro in contanti. Poi Brugiatelli chiama il 112 e depista suo malgrado le indagini: ai carabinieri dice infatti che a derubarlo sono stati due ragazzi maghrebini. Elemento che viene di conseguenza riportato anche nella nota di ricerca diffusa alle pattuglie dei carabinieri e alle volanti della polizia. Ma lui, in realtà, sapeva che i due erano americani, li conosceva e li temeva. Ben consapevole di avergli “tirato il pacco”, vendendogli aspirina spacciata per la cocaina richiesta dai due, immaginava l’aggressione che invece poco più tardi sarebbe costata la vita al carabiniere

A quel punto dà appuntamento a tutti in via Pietro Cossa a Prati, la notte tra il 25 e il 26 luglio. Lì si presentano Mario Rega Cerciello e Andrea Varriale, soli. E qui emerge un altro elemento, sul quale sono in corso accertamenti da parte degli inquirenti: a differenza di quanto prevede la prassi, non c’erano colleghi in appoggio ai due militari, che erano la pattuglia automontata e in abiti civili di piazza Farnese, in servizio da mezzanotte alle sei di mattina e che era stata mandata dalla centrale sul posto. Resta da capire dunque, perché Cerciello e Varriale non siano stati affiancati da altri colleghi. Un particolare su cui chi indaga intende approfondire. E ora le forze dell’ordine stanno dando la caccia ai due pusher per i quali Brugiatelli faceva da tramite. La storia a quel punto è nota ma ai colleghi dei due militari resterà la segnalazione di due maghrebini e la difficoltà di iniziare indagini già in salita sulla base di una descrizione del tutto errata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marcia No Tav, “Da 30 anni in lotta contro le loro prepotenze e per il nostro territorio. Violenza? La nostra è determinazione serena e genuina”

next
Articolo Successivo

No Tav, l’assedio al cantiere senza violenze: “Da 30 anni ci difendiamo e resistiamo”

next