Per un errore medico, una donna di 67 anni ha subito l’amputazione della gamba sbagliata. I chirurghi avrebbero infatti dovuto amputarle la gamba destra a causa di problemi legati al diabete: l’arto era facilmente riconoscibile anche perché la signora aveva già subito in passato la rimozione di un dito del piede. Invece, al suo risveglio dopo l’intervento, la figlia ha alzato la coperta e si è accorta dell’erorre: il chirurgo le aveva amputato la gamba sinistra, quella sana.

È successo nel centro medico Nuovo Sanatorio Berazategui, nel sud di Buenos Aires, in Argentinacome riporta il quotidiano locale Clarin. Dopo la scoperta la donna è stata trasferita in una clinica di Quilmes. Ora la procura ha aperto un’indagine a carico dei medici per lesioni colpose: il chirurgo che ha operato la donna è infatti lo stesso che aveva eseguito il primo intervento a cui si era sottoposta per l’amputazione di un dito del piede. “Il chirurgo mi ha detto che era andato tutto bene. Ma la gamba da amputare era la destra come scritto nella cartella clinica, non so cosa sia successo. Quando siamo entrati nella stanza ci siamo immediatamente resi conto dell’errore“, ha raccontato la figlia della donna a Clarin. 

“Quando ho sollevato le lenzuola ho visto che era stata amputata la gamba sinistra”, ha aggiunto Mayra che dopo aver notato l’incredibile errore è corsa in sala operatoria. “Lì ho trovato il chirurgo, ero molto nervoso. Il dottore non aveva parole, non sapeva cosa dirmi. È lo stesso medico che aveva amputato il dito della gamba sinistra. Il piede era bendato, dovevano toglierla e procedere su quella stessa gamba”. Da parte dell’ospedale non è arrivato nessun commento a riguardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finge di essere malata terminale di cancro ma lo fa solo per ottenere soldi

next
Articolo Successivo

Due adolescenti scompaiono da casa ma poco dopo si scopre la verità: hanno ucciso tre persone e ora sono ricercati

next