Nessun tecnico Mediaset all’orizzonte. Vladimir Luxuria smentisce sul settimanale Chi – dove posa in bikini a 54 anni – di aver vissuto una torbida relazione di sesso e amore, dietro le quinte degli studi di Cologno Monzese. “Ogni tanto ci sono delle persone che io ringrazio perché si prendono a cuore la mia situazione, ma non c’è nessun tecnico, ma neanche della Rai e neanche di La7”, spiega ironicamente Vladimir. Quindi molto rumore per nulla? Chissà… Di certo una delle attiviste storiche per i diritti LGBT è sempre alla ricerca dell’amore che per lei rimane “la vera trasgressione e la vera rivoluzione”.

State tranquilli comunque Vladimir è circondata da tanti “amici”: “Non c’è mica il fermo biologico, ho le mie esigenze di ‘cinquatinager’. Che poi sono ancora dell’idea di fare l’amore così, senza troppi fronzoli. Invece, incontro spesso persone che per questione di fantasia alla fine devo allontanare”. E qui l’argomento si fa scottante perché a quanto pare l’ex onorevole non si è fatta mancare proprio nulla: “Prima dovevo fare la maestrina e lui lo studente, poi l’infermiera e lui il paziente. E dovevo trovare vestiti e scenografie, mica una cosa semplice. Anche costosa. Poi ho avuto pure il sadomaso, e fin quando voleva fare lo schiavo e voleva farmi i panni e i piatti… Ma pure quello era impegnativo. Dovevo fare delle cene sontuose così lui arrivava il giorno dopo, si metteva tutto nudo, indossava solo il grembiule e puliva. Io poi dovevo rientrare ispezionare tutto e se trovavo un po’ di polvere, voleva che lo sculacciassi, sempre rimproverandolo. All’inizio mi divertivo, ma alla lunga era un’impresa ogni volta, e non di pulizie”. Forse un tecnico della tv sarebbe stato meno impegnativo!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Sul nuovo numero di #chi in copertina e #intervista all’interno #provacostume #estate #balestrate

Un post condiviso da VLADIMIR LUXURIA (@vladimir_luxuria) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clizia Incorvaia: “Il mio ex marito Francesco Sarcina mi vuole far passare per traditrice, Riccardo Scamarcio per bugiarda. Ora vi dico la verità”

next
Articolo Successivo

Sgarbi vs Mughini, lite furibonda su Rete 4: “Sei un miserabile, i telespettatori non meritano questa merda”, “Che faccio, lo prendo a pedate?”

next