Da Luchino Visconti a Ferzan Özpetek, in una carriera da signora elegante del grande schermo. Il cinema italiano dice addio a Ilaria Occhini. L’attrice fiorentina, 85 anni, si è spenta ieri pomeriggio. Nipote per parte materna dello scrittore Giovanni Papini – e figlia dello scrittore Barna Occhini – ha avuto una carriera lunghissima, debuttando nel cinema a soli 19 anni nel film “Terza liceo” (facendosi chiamare Isabella Redi) prima di diplomarsi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, a Roma. Nel 1957 ha debuttato in teatro, diretta da Luchino Visconti, Orazio Costa e Giuseppe Patroni Griffi, per poi affermarsi anche in televisione, per la regia di Anton Giulio Majano nelle riproposizioni de “L’Alfiere” e “Jane Eyre“.

Sposata per più di 50 anni con lo scrittore Raffaele La Capria, ha avuto una seconda giovinezza in termini di popolarità a partire dagli anni ’90, affermandosi in “Benvenuti in casa Gori“, di Alessandro Benvenuti, parte che le ha permesso di ottenere anche il Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista. I più giovani la ricorderanno nel ruolo della madre nelle quattro stagioni della fiction di Rai 1 “Provaci ancora prof!“, ma soprattutto in due perle del cinema contemporaneo come “Mar Nero” di Federico Bondi – con vittoria del Pardo d’Oro 2008 – e, soprattutto, “Mine Vaganti” del regista italo-turco Ferzan Özpetek, ruolo per il quale ha ottenuto il David di Donatello 2010 e, contestualmente, il Nastro d’argento alla carriera.

La Occhini si è impegnata anche in politica al seguito di Marco Pannella e dei Radicali dagli anni ottanta – due le candidature: una alle politiche del 1987 e una alle europee del 2004 con Emma Bonino – mentre nel 2008 ha aderito alla lista Pro Life di Giuliano Ferrara, accettando la proposta di presentarsi nel collegio del Lazio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’intervento di Enrico Molteni – “Oggi tutti possono riempire un palasport”: la musica è cambiata (grazie alle etichette indipendenti)

next
Articolo Successivo

Franco Zeffirelli, il Portofino International Festival celebra il Maestro con una serata commemorativa

next