Omaggio a Franco Zeffirelli al Portofino International Festival. Il prossimo 27 settembre, penultima data della kermesse ligure, sarà dedicata al maestro scomparso tre mesi fa con un concerto commemorativo dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Dmitry Morozov e alcune tra le più brave ed eleganti soprano internazionali che canteranno le più celebri arie d’opera legate alle grandi regie del Maestro Zeffirelli. Le cantanti indosseranno i gioielli disegnati appositamente per Zeffirelli da Gerardo Sacco. Durante l’evento vi saranno proiezioni tratte dalle opere e dai film di Zeffirelli. Seguirà aperitivo con le eccellenze enogastronomiche italiane.

L’ultimo evento di respiro internazionale del Festival sarà poi una mostra personale dell’artista genovese Adria Sartore. La pittrice, già presente in diverse edizioni di Art Basel Hong Kong, Biennale di Venezia, National Portrait Gallery di Londra, è considerata uno dei più interessanti e straordinari artisti del panorama contemporaneo mondiale.

Giunto alla sua terza edizione, guidato dal direttore artistico Franco Cerri, il Festival di Portofino (che è sponsorizzato da San Paolo Invest, Cenobio dei Dogi, Guitarlab, Pianosolo, Buffa Cioccolato, Galleria d’arte Portofino Contemporary art, Ottica Lagani, Gem estetica e benessere), ha preso il via il 4 Luglio scorso con una serata intitolata Portofino Loves U.S., con un programma incentrato sui classici americani del ‘900 e sul musical da Gershwin a Lloyd Webber. Il 1 Agosto, presso il teatro di Portofino, è stata invece la volta della serata Eyes wide shut, ispirata all’omonimo film di Stanley Kubrick. Per l’occasione l’orchestra da camera Mozart patrocinata dal Mozarteum di Salisburgo ha eseguito brani tratti dalla colonna sonora del film. Il 9 agosto, invece, il concerto dei Tre Tenori direttamente dal Teatro alla Scala, dall’Opera di Roma e dal Carlo Felice di Genova.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mostra del Cinema di Venezia, a J’Accuse va solo il “leoncino”: la presidentessa di giuria e il veto su Polanski – La Polemica

prev
Articolo Successivo

Amedeo Modigliani torna a Livorno, dal 7 novembre una mostra con i suoi capolavori. Il Comune: “Era uno di noi ed è stato il più grande”

next