Hanno ammassato legna al ‘Varco 1’ del cantiere della Tav, provocando fiamme alte circa 4 metri, i No Tav che ieri sera hanno dato vita a una dimostrazione contro la Torino-Lione in Valle di Susa. La Digos della Questura di Torino ha identificato 50 attivisti del centro sociale Askatasuna di Torino e al Movimento No Tav. Saranno denunciati per la violazione dell’ordinanza che ha esteso la zona rossa intorno al cantiere. Sette sono accusati anche di inottemperanza al foglio di via, altri undici per accensioni pericolose

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ebola, i casi in Congo preoccupano l’Italia. Stretta sui controlli sanitari all’aeroporto di Fiumicino

prev
Articolo Successivo

Emanuela Orlandi, conclusa ispezione al Campo Santo Teutonico. Il perito della famiglia: “Trovate migliaia di ossa”

next