Hanno ammassato legna al ‘Varco 1’ del cantiere della Tav, provocando fiamme alte circa 4 metri, i No Tav che ieri sera hanno dato vita a una dimostrazione contro la Torino-Lione in Valle di Susa. La Digos della Questura di Torino ha identificato 50 attivisti del centro sociale Askatasuna di Torino e al Movimento No Tav. Saranno denunciati per la violazione dell’ordinanza che ha esteso la zona rossa intorno al cantiere. Sette sono accusati anche di inottemperanza al foglio di via, altri undici per accensioni pericolose

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ebola, i casi in Congo preoccupano l’Italia. Stretta sui controlli sanitari all’aeroporto di Fiumicino

next
Articolo Successivo

Emanuela Orlandi, conclusa ispezione al Campo Santo Teutonico. Il perito della famiglia: “Trovate migliaia di ossa”

next